Brindisi. Coltiva cannabis illegale nella sua azienda agricola, arrestato.

A Brindisi, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Vito dei Normanni hanno tratto in arresto, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un 59enne del luogo, titolare di un’azienda agricola.

In particolare, nella mattinata di ieri, i militari operanti hanno effettuato un controllo presso la citata azienda attiva nel settore degli ortaggi, dove hanno rinvenuto una piantagione di Cannabis Light di 202 piantine. Tra queste piante, è emerso che l’uomo coltivava anche 97 piante di cannabis illegale. Infatti, a seguito di perquisizione, sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro:

–   217 rami essiccati dal peso complessivo di 5,85 kg, nonché la relativa strumentazione (5 ventilatori, 2 deumidificatori e un termostato), posti in un container adibito ad essiccatore abusivo;

–   12 confezioni termo sigillate contenenti marijuana essiccata per un peso complessivo di 3,595 kg e infiorescenze e foglie per un peso complessivo di 3,210 kg;

–   una stanza adibita a laboratorio con all’interno 2 bilancini, una macchina termosaldatrice e buste per il confezionamento;

–   35 mila euro in banconote da 200, 100, 50 e 20 che il titolare aveva occultato in un cartone, all’interno del vano della piscina;

–   4.640 euro in banconote da 20, occultati in una busta di plastica all’interno di un armadio dell’abitazione.

Complessivamente, lo stupefacente sequestrato – al netto delle piante di cannabis illegale – è di 12,5 kg.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato rimesso in libertà.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.