CELLINO SAN MARCO: AZIENDA CON BOX ABUSIVI PER CAVALLI E CONCIMAIA NON AUTORIZZATA.UNA DENUNCIA, OTTO CAVALLI DA RIALLOCARE

BLITZ E SEQUESTRO DEI CARABINIERI FORESTALI

Blitz dei Carabinieri Forestali della Stazione di Brindisi, nell’ ambito della pianificata attività di controllo, nell’ area occupata dalle strutture di un’ associazione sportiva, a Cellino San Marco.

Nel corso dell’ accertamento i Militari hanno appurato che per gli 11 box utilizzati per il ricovero di cavalli non era stato rilasciato alcun titolo edilizio (il prescritto “permesso di costruire”). Hanno quindi sottoposto a sequestro penale probatorio i manufatti, per una lunghezza di 40 metri ed una larghezza di 3, realizzati in conci di tufo e pannelli coibentati.

La proprietaria dell’ area e titolare dell’ allevamento, N.M. di anni 41, è stata quindi deferita alla Procura della Repubblica di Brindisi per violazione dell’ art. 44, comma 1, lett. b) del Decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001 (“Testo Unico dell’ Edilizia e dell’ Urbanistica”).

Le è stato anche contestato il reato di cui all’ art. 256, comma 1), lett. a) del Decreto legislativo n. 152 del 2006 (“Testo Unico Ambientale”) per aver realizzato una concimaia, spandendo parte dei rifiuti (deiezioni liquide degli animali, paglia e letame) ivi stoccati in terreni adiacenti, senza alcuna autorizzazione.

Anche la concimaia, così come i rifiuti sparsi sul suolo, per un volume di circa 30 metri cubi, sono stati sottoposti a sequestro.

L’ Autorità giudiziaria ha disposto un termine di 30 giorni per riallocare gli 8 cavalli presenti in altra struttura idonea.

All’ accertamento ha partecipato anche il Servizio Veterinario dell’ ASL di Brindisi, che ha verificato il buono stato di salute e di benessere degli equini.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.