Rientri da Spagna, Grecia e Malta. M5S: “Ordinanza dice una cosa, Montanaro un’altra e Lopalco tace. Poche idee e ben confuse”

Nota dei consiglieri del M5S Puglia

“Poche idee e ben confuse. Sembra essere questa la ratio che muove le ordinanze di Michele Emiliano. Concordiamo sulla necessità di prendere tutti i provvedimenti necessari dopo gli ultimi giorni che hanno visto un’impennata di casi positivi al Covid, ma ci chiediamo perchè debbano osservare la quarantena obbligatoria solo i pugliesi che rientrano da Spagna, Grecia e Malta, mentre chi viene da quei Paesi per una vacanza in Puglia debba solo autosegnalarsi. Nel frattempo, il capo del Dipartimento Salute Vito Montanaro rilascia interviste per spiegare l’ordinanza, in cui parla di tampone volontario per i pugliesi che di autosegnalano dopo il rientro da Grecia, Spagna e Malta e nessun obbligo di isolamento in caso di risultato negativo. Spiegazione poi data anche da Emiliano. In tutta questa confusione sarebbe bastato aspettare le nuove misure allo studio del Governo, che ha proposto alla Regioni di svolgere test a chi rientra da Grecia, Croazia, Spagna e Malta, invece di emanare l’ennesima ordinanza alle 21 solo per avere un titolo sul giornale. Ci chiediamo poi che fine abbia fatto colui che dovrebbe essere a capo della task force regionale per l’emergenza Coronavirus, il professor Lopalco, un tempo molto loquace. Non una parola sui provvedimenti presi né sugli aumenti dei casi negli ultimi giorni. Come abbiamo sempre sostenuto ruolo tecnico e candidatura non sono compatibili: in questo momento così delicato i pugliesi hanno bisogno dell’epidemiologo, evidentemente già in clima da campagna elettorale”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.