BRINDISI.AEROPORTO DI BRINDISI – CARLUCCIO (SENSO CIVICO): NON CONTANO LE PRIMOGENITURE. PENSIAMO AI PROGRAMMI DI SVILUPPO!

Un test elettorale come quello che stiamo vivendo non può trasformarsi in una lotta per stabilire chi ha la primogenitura di una struttura fondamentale come l’aeroporto del Salento di Brindisi.


Purtroppo non è la prima volta che ci si ritrova di fronte a queste forme avvilenti di “vecchia politica” che non incidono minimamente sullo sviluppo del territorio.
I numeri dello scalo aeroportuale sono direttamente collegati alla quantità ed alla qualità dei collegamenti disponibili ed è un dato oggettivo il fatto che in questi ultimi anni il nostro aeroporto è letteralmente esploso, facendo registrare numeri incredibilmente positivi che lo collocano nella fascia alta a livello nazionale.
E’ risultata vincente la politica regionale con cui sono stati introdotti degli incentivi per le compagnie aeree che sceglievano il nostro scalo e quello di Bari, tanto è vero che oggi siamo meno dipendenti dagli aiuti. Tuttavia la pandemia ha segnato la crisi del settore ed in particolare dei collegamenti internazionali per cui resta determinante il ruolo di ente promotore della Regione Puglia volto ad intercettare risorse da destinare in maniera mirata alla tempestiva riattivazione di collegamenti strategici per il nostro territorio.
Senza trasporto aereo il turismo non avrà strumenti per superare la crisi e la nostra regione tornerà ad essere emarginata. Noi saremo in prima linea per evitare che questo accada.

Angela Carluccio – candidata al Consiglio regionale della Puglia per
“Senso Civico”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.