MOBILITA’ SANITARIA, FITTO: I PUGLIESI PREFERISCONO CURARSI FUORI DALLA PUGLIA E LA REGIONE PAGA OLTRE 200 MILIONI AL NORD. LO DICE LA FONDAZIONE GIMBE

Qualcuno, nei giorni scorsi, mi ha accusato di ‘dare i numeri’ sulla Sanità pugliese. Oggi a darli non sono io, che ho solo il merito di averli dati prima, ma l’autorevole FONDAZIONE GIMBE che inserisce la Puglia fra le Regioni dove la mobilità sanitaria ha un ‘SALDO NEGATIVO RILEVANTE’: 206,4 milioni di euro.

E’ questa la cifra che la Regione Puglia ha pagato ad altre Regioni per prestazioni sanitarie di cittadini che hanno preferito curarsi non in Puglia. Insomma, oltre il danno la beffa: il disagio e i costi di doversi curare fuori dalla Puglia, per il paziente e la famiglia, l’esborso dei soldi pubblici dei pugliesi.

Un flusso di denaro vero che dalla Puglia va a finire nelle casse della Sanità del Nord grazie alle politiche di ha guidato l’assessorato in questi 5 anni.

 

Rapporto GIMBE

https://www.gimbe.org/osservatorio/Report_Osservatorio_GIMBE_2020.02_Mobilita_sanitaria_2018.pdf


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.