Mesagne (Br).“Ci muoviamo insieme”, sabato 12 settembre si presenta il progetto di mobilità gratuita della Fondazione San Giorgio

Parte il progetto “Ci muoviamo insieme” della Fondazione San Giorgio rivolto alle persone anziane, disabili e non autosufficienti prive di una rete familiare adeguata che potranno usufruire di un servizio di trasporto gratuito in occasione di una visita medica o un esame diagnostico presso il Centro Medico Apulia Diagnostic.


Sabato 12 settembre, alle ore 10 davanti all’ingresso di Apulia Diagnostic, sarà inaugurato il Fiat Doblò attrezzato con una pedana per il trasporto di disabili in carrozzina.
 Il servizio sarà attivo su tutto il territorio del comune di Mesagne e comuni limitrofi e sarà a disposizione di tutte quelle persone che, per motivi economici o mancanza di riferimenti familiari, non riescono a spostarsi dalla loro abitazione per effettuare una semplice visita o un esame diagnostico presso il Centro Medico Apulia Diagnostic. Sarà possibile prenotare il servizio di trasporto chiamando al numero 08311970111 o al numero verde 800-894100.
 Il progetto, sostenuto dal Comune di Mesagne, è stato sponsorizzato dalle aziende mesagnesi Giovanni Meo Autotrasporti, Autoricambi Magrì, Capodieci A. & Figli e Love Garden Cafè.
All’incontro interverranno il sindaco di Mesagne, Toni Matarrelli, il presidente della Fondazione San Giorgio, Stefano Luca Giaffreda, la Coordinatrice Amministrativa della Fondazione San Giorgio, Liuba Meo, il Coordinatore Tecnico-Scientifico, Andrea Distante, la stampa e tutti gli imprenditori che con grande spirito di solidarietà sostengono l’iniziativa. Durante la presentazione Fondazione San Giorgio consegnerà gli attestati di merito agli sponsor sostenitori del progetto.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.