Mesagne, estensione della rete di gas metano nelle zone sprovviste

E’ stato presentato nella Sala consiliare del Comune di Mesagne – alla presenza del sindaco Toni Matarrelli e dell’assessore ai Lavori Pubblici, Roberto D’Ancona – l’intervento di oltre quattro chilometri di rete che consentirà a 145 famiglie mesagnesi l’allaccio del metano.

Il progetto è interamente finanziato da “2i Rete Gas” ed è stato illustrato nel corso dell’iniziativa dai responsabili locali intervenuti in rappresentanza dell’operatore italiano nel campo della distribuzione di gas naturale, l’ing. Francesco Allegretta e l’ing. Nicola Panico.
“E’ prevista una prima fase dei lavori che sarà avviata nelle prossime settimane, meteo permettendo, che interesserà via Favalogna e contrada Manfredonia, per poi proseguire in altre zone della città. Nel 2021, altri otto chilometri di rete saranno realizzati nelle contrade Torretta e Palmitella”, ha spiegato il sindaco Matarrelli. Nei prossimi due anni saranno coperti circa 16 chilometri di nuova rete per un investimento complessivo di un milione e mezzo di euro, interamente a carico della “2 i Rete Gas”. “Appena i lavori consentiranno l’erogazione del gas nelle
condotte, per gli utenti mesagnesi che richiederanno l’allaccio è previsto un trattamento agevolato:
200 euro invece dei 1.400 dei normali contratti”, ha annunciato l’assessore D’Ancona.
L’elenco completo delle vie da metanizzare è il seguente: in zona Favalogna, la via omonima e via San Giuseppe da Copertino; in contrada Mandredonia saranno interessate piazza Capri, via Provinciale per San Vito, le vie Beato Bartolo Longo, Ischia, Alimini, Leuca, Castro Marina, Valle d’Itria, Camigliatello, Sorrento.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.