BRINDISI, FILIERA DELLA PESCA: TERMINATA L’OPERAZIONE COMPLESSA REGIONALE DELLA GUARDIA COSTIERA.

Si è conclusa un’importante operazione di polizia marittima che ha impegnato nei giorni scorsi il personale della Guardia Costiera dell’intera Regione, coordinato dal 6° Centro di Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Bari, in numerosi controlli lungo tutta la filiera ittica e che ha quindi riguardato punti di sbarco, depositi, pescherie, ristoranti.

Nell’ambito della competenza territoriale della Capitaneria di Porto di Brindisi, l’attività svolta ha portato, complessivamente, al sequestro di oltre un quintale di prodotto ittico e all’inflizione di sanzioni per un importo pari a 12 mila euro nei confronti dei trasgressori.

La maggior parte delle sanzioni, ha riguardato la violazione di norme sulla tracciabilità del prodotto ittico posto in vendita, requisito necessario per accertare tutto il percorso dell’alimento, dal pescatore al rivenditore finale, evitando, a tutela del consumatore, la circolazione di prodotto ittico contraffatto o scaduto.

In un rinomato ristorante della marineria del comune di Ostuni, i militari hanno accertato la violazione del Decreto Legislativo n. 231/2017 recante la “disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (UE) n. 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori”, comminando al gestore dell’attività commerciale una sanzione amministrativa del valore di 6 mila euro per la mancanza di diverse informazioni necessarie alla tutela del consumatore, tra cui la dichiarazione degli allergeni presenti nei cibi somministrati e venduti sfusi con il rischio di costituire un pericolo per la salute di soggetti allergici o intolleranti a determinate sostanze. È obbligatorio, infatti, che siano fornite informazioni sulla presenza di additivi alimentari e di altre sostanze aventi potenziali effetti allergenici o di intolleranza, in modo da consentire ai consumatori -in particolare quelli che soffrono di allergie o intolleranze alimentari- di effettuare scelte consapevoli per la loro salute e sicurezza.

Nel corso di ulteriori controlli presso alcuni ristoranti e centri ittici del capoluogo, nonché presso ristoranti presenti nella località di Savelletri del comune di Fasano, i militari hanno sequestrato oltre un quintale di prodotto ittico (polpo, tonno, pesce spada, spigole e orate), completamente sprovvisto delle informazioni minime per la tracciabilità e di documenti commerciali in grado di far risalire con sicurezza alla provenienza dello stesso. Il prodotto ittico è stato sottoposto a sequestro ed avviato alla distruzione, mentre ai trasgressori sono state comminate le previste sanzioni amministrative per un valore totale di 6 mila euro.

Numerosi i controlli in materia di pesca eseguiti anche in mare, in particolare nelle acque del porto di Brindisi. Il personale del dipendente battello veloce GCA94 ha effettuato a carico di pescatori abusivi il sequestro di due reti da posta tipo tremaglio, attrezzi la cui detenzione ed utilizzo sono consentiti unicamente ai pescatori professionali. Oltre al sequestro della rete, ai trasgressori è stata comminata la relativa sanzione amministrativa pari a 1.000 euro.-

Si ricorda che la Sala Operativa della Capitaneria di Porto di Brindisi è attiva ininterrottamente, 7 giorni su 7, e può essere contattata telefonicamente al numero 0831521022 o all’indizizzo e-mail cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, attraverso il “Numero Blu” 1530.-


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.