BRINDISI.ANTONINO (Pri):Una soluzione per Contrada Betlemme

Con la norma licenziata alla unanimità dal Consiglio Regionale sembrerebbe finalmente superato il problema degli allacci alle reti idrica e fognante della abitazioni poste all’interno degli agglomerati abusivi a suo tempo oggetto di varianti di recupero.


Gli abitanti dei comparti “Tuturano-Torre Rossa”, “Giambattista”, “Palmarini – Schiavoni”, “Muscia” e “Montenegro” potranno così beneficiare di servizi essenziali come l’acqua e la fogna.

Una vicenda iniziata nel lontano luglio del 2000, quando il Consiglio Comunale approvò le varianti di recupero degli insediamenti abusivi oggetto di domanda di condono.

Varianti poi licenziate definitivamente dalla Regione Puglia nel 2005 con la unica eccezione di Contrada Betlemme per la quale, attesa la particolare localizzazione geografica, sulla costa ed in un ambito di grande valore paesaggistico, fu richiesta la elaborazione di un Piano di Intervento di Recupero Territoriale (PIRT).

Da allora nulla si è mosso!

Appunto per questo ho presentato un ordine del giorno che sarà discusso nel prossimo Consiglio Comunale con il quale si impegna l’Amministrazione a redigere questo Piano di Intervento di Recupero Territoriale e a porre in essere tutti gli atti necessari affinché anche gli abitanti di Contrada Betlemme cessino di essere abitanti di serie B.

Il Capogruppo PRI

(Gabriele ANTONINO)


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.