3 Ottobre ore 12,00 cobas incontra tekra l municipio Mesagne per i lavoratori in protesta

Il Sindacato Cobas incontrerà domani ,Mercoledì 14 ottobre, alle ore 12,00 presso il Comune di Mesagne la ditta Tekra, ditta che ha vinto la gara della raccolta dei rifiuti urbani del Comune di Mesagne,per discutere delle regole contrattuali e da capitolato d’appalto relativa ai lavoratori stagionali.

I lavoratori stagionali che sono sotto il municipio di Mesagne da 2 settimane , esclusi dal lavoro al momento della partenza della gara , nutrono la speranza di una svolta decisiva relativamente a questo incontro.

La battaglia per il lavoro è duplice:

Il primo motivo è quello di un rientro a lavoro al più presto.

Il secondo motivo è quello del superamento della precarietà lavorativa come stagionale che dura da oltre 10 anni.

Questi motivi il Cobas li esporrà all’azienda domani nel corso dell’incontro.

Il Cobas ha svolto in mattinata insieme ai lavoratori esclusi un incontro con il Sindaco di Mesagne Matarrelli e l’assessore alla Ecologia Saracini dove  hanno continuato a trovar sostegno e solidarietà nel promuovere iniziative rivolte a sconfiggere le forme di precarietà lavorativa.

I lavoratori tutti della raccolta dei rifiuti , oltre agli esclusi , hanno quindi trovato un ottimo alleato per il  rispetto delle regole contrattuali e da capitolato , per allargare sempre più gli spazi di legalità affinchè nessuno venga ricattato dalle condizioni di vita attuali.

Confidiamo in una buona soluzione domani nell’incontro per i lavoratori esclusi e per i cittadini mesagnesi che chiedono buone attività da parte della nuova ditta, visto il costo del servizio.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.