Mesagne (Br).verbale Tekra

Il Sindacato Cobas  ha incontrato unitamente alle altre organizzazioni sindacali la ditta Tekra con il dottor Mario Capone , entrata il 1 Ottobre a Mesagne a gestire l’appalto della raccolta dei rifiuti urbani , ed alla presenza del Sindaco Toni Matarrella per discutere del problema dei lavoratori precari e per rassicurare in modo particolare gli esclusi dall’inizio del servizio.


Il Cobas ha sostenuto la necessità di regole condivise con l’azienda  sui precari unitamente alla necessità nel tempo di una reale stabilizzazione.
La lotta degli esclusi ha portato pesantemente a galla un problema che viene da lontano e a cui era necessario  dare una risposta .In questo è stata importante il sostegno della Amministrazione Comunale che ha sostenuto senza riserve la necessità di superare la precarietà e di evitare una guerra tra poveri,
La ditta Tekra ha assunto l’impegno che dopo i tre mesi di lavoro per il primo gruppo di lavoratori ce ne sarà un altro di tre mesi per gli attuali esclus, intanto penserà ad avviare un processo di stabilizzazione fino a raggiungere intanto il numero previsto dal capitolato di appalto.
La tenda sarà rimossa da davanti il municipio di Mesagne pronta ad essere di nuovo alzata nel caso l’accordo non venga rispettato.Abbiamo però pensato che l’azienda attuerà ciò che è scritto.
Una battaglia di civiltà l’abbiamo  chiamata quella sostenuta dai lavoratori esclusi diventanto una pietra miliare per la lotta alla precarietà nel mondo del lavoro….esportabile ovunque.

Per il Cobas Roberto Aprile


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.