BRINDISI.LOMARTIRE:CI PENSINO I BRINDISINI A SALVARE LA CITTA’, DESTINANDO IL 5X1000 AL COMUNE

Forse non tutti sanno che nella dichiarazione dei redditi è possibile indirizzare il 5 per mille ad enti impegnati nel sociali e tra questi anche i comuni di residenza.

Praticamente noi brindisini possiamo scegliere, in sede di compilazione delle nostre denunce dei redditi, di destinare il 5 per mille dell’IRPEF al nostro Comune, che deve impiegare queste risorse per lo svolgimento di attività sociali.

Questa scelta non si sostituisce a quella della destinazione dell’8 per mille dell’Irpef allo Stato o alla Chiesa cattolica o ad altre confessioni religiose: è semplicemente aggiuntiva e serve ad aiutare il Comune.

Ora, poiché il Comune siamo noi e se abbiamo la possibilità di aiutarlo per essere più vicino ai suoi cittadini più bisognosi e meno fortunati utilizzando queste risorse in progetti nel sociale, a favore di anziani, minori e famiglie in difficoltà, perché non farlo? 

E’ però una facoltà praticamente sconosciuta, se è vero come è vero che al Comune di Brindisi nell’anno 2020 è stata accreditata la somma di soli 7.355,00 euro, nel 2019 di €. 8.045,00 e nel 2018 di €. 6.497,00.

Se pensiamo che la somma dei redditi Irpef del Comune di Brindisi è intorno al miliardo di Euro (nel 2015 pari ad €. 1.000.291.384 e nel 2016 €. 990.573.334) comprendiamo come il Comune potrebbe solo a tale titolo incassare ingenti somme da destinare ad attività sociali.

Dio solo sa se a Brindisi ne abbiamo bisogno: Genova, ad esempio, con i soldi ricevuti dai propri cittadini ha finanziato nel 2017 il trasporto e l’accompagnamento alle persone disabili e Taranto ha concesso altri vantaggi ai propri cittadini.

E’ d’uopo, quindi, un suggerimento al Sindaco: utilizzi tutto quanto a sua disposizione (in primis l’ufficio stampa) per pubblicizzare in ogni maniera la facoltà riconosciuta ai cittadini.

Signor Sindaco, una buona idea è tale a prescindere: niente può andare tralasciato per dare un aiuto concreto alle fasce più deboli, oggi ancor più gravemente colpite !


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.