BRINDISI.Presentazione della rassegna cinematografica “ Narrazioni di genere”, organizzata da “ Non Una Di Meno” e“ Io Donna”.

Storie, esperienze, drammi, vicissitudini, di donne – Video Interviste.

Una rassegna cinematografica che è un messaggio, ulteriore, spesso contro i pregiudizi, le sottovalutazioni, quel “ maschilismo ancora diffuso” che, tuttavia, è in minoranza, rispetto ad una lotta comune, “ globale”.

Una rassegna, organizzata dalle associazioni “ Non Una Di Meno” e “ Io Donna”, con la proiezione, presso il Cinema Teatro Impero, di quattro film e due documentari. Storie, esperienze, drammi, vicissitudini, di donne, parallelamente ( e puntualmente) all’ impegno quotidiano, le denunce, di associazioni, movimenti, comitati, cittadini e cittadine.

Le proiezioni si tengono ogni mercoledì, alle ore 19, al costo di Euro 5, grazie anche alla valida e significativa collaborazione dell’ intera organizzazione del Cinema Impero, un “ contenitore” di idee, progettualità, incontri tra varie istanze, per la città e il territorio . Una rassegna che esprime una pluralità di storie e ribellioni che hanno come “ filo conduttore” l’ identità di genere in tempi e luoghi diversi.

L’ iniziativa è partita mercoledì sera, con “ Ritratto della Giovane in Fiamme”, altre proiezioni in programma : 21 ottobre ( Dio è donna e si chiama Petrunya) ; 28 ottobre ( La ragazza d’ autunno) ; 4 novembre ( La scomparsa di mia madre ) ; 12 novembre ( Laurence Anyway ) ; 19 novembre ( Santa Subito).

Dicono tutto, nelle nostre Video Interviste, Lia Caprera ( Io Donna) e Rosella Apruzzi ( Non Una Di Meno), un binomio di grande partecipazione e unità di intenti .


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.