MATRIMONI, ZULLO: SI POSSONO FARE I TEST RAPIDI PER SALVARE IL SETTORE… MA EMILIANO PRIMA DEL VOTO FACEVA IL REGALO DI NOZZE E ORA SI ADEGUA AL GOVERNO CHE VUOLE SOLO CHIUDERE TUTTO!

La proposta del consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo

“In Puglia siamo passati da un Emiliano pre-elettorale, che con l’accondiscendenza del Governo e spalleggiato dal ministro Boccia, elargiva la busta di 1500 euro agli sposi per favorire i matrimoni ad un Governo con il ministro Boccia che, con l’accondiscendenza di un Emiliano post-elettorale, vieta i matrimoni. Il danno per i promessi sposi e per il settore del wedding è enorme e colpisce non solo i sogni di chi vorrebbe coronare il proprio sogno d’amore ma anche il lavoro delle sale ricevimenti, dei fiorai, dei parrucchieri, degli estetisti etc etc…

“Mi chiedo: se il Ministero autorizza fin dal 29 settembre l’utilizzo di tamponi rapidi che in 15 minuti accertano la positività o la negatività al COVID con specificità al 100% e sensibilità al 90% (valori da considerarsi ottimali dalla scienza medica) perché si vietano i matrimoni e non si impone invece di effettuare i matrimoni con i partecipanti sottoposti a tampone rapido con esito negativo?

“Questi test hanno un costo irrisorio rispetto al costo di un pranzo da matrimonio e sarebbero un utile momento di screening per un numero considerevole di persone vale a dire un utilissimo strumento di prevenzione e sanità pubblica. Insomma, a cosa servono i progressi della ricerca (l’introduzione del test rapido) se poi comunque nella testa del Governo ci sono solo chiusure?

“Ed Emiliano post-elettorale perché non trova la forza per dire al Governo che prima delle chiusure occorre pensare ad ogni accorgimento tecnico e organizzativo che possa coniugare diritto alla salute e salute pubblica con il diritto al lavoro e la libertà delle persone?”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.