COVID, D’AMATO (M5S): TRASPORTO PUBBLICO SICURO SIA PRIORITA’

“Gli episodi messi in luce dai media sui convogli delle Ferrovie Appulo Lucane hanno destato non poche preoccupazioni riguardo il rischio sanitario da Covid.

A quanto pare il contagio di 7 dipendenti, la conseguente assenza di personale e la soppressione di circa 40 treni in una giornata si uniscono ad una gestione rischiosa dell’emergenza: le comunicazioni sul servizio bus sostitutivo sono state date agli utenti solo in stazione causando assembramenti. Unendomi alla richiesta di lavoratori e utenti ho chiesto ai dipartimenti di Prevenzione della ASL di Bari e Matera e alle stesse FAL maggiore chiarezza circa le procedure di controllo, sanificazione e pulizia dei mezzi, sulla gestione della comunicazione e sulle procedure di test sanitario per il personale. La risposta delle Ferrovie Appulo Lucane non si è fatta attendere, con una lettera in cui l’azienda sottolinea il suo impegno per ottemperare ai decreti fronteggiando anche gli inevitabili disagi dovuti all’improvviso mancanza di personale. Bene sottolineare l’impegno e il rispetto dei protocolli, ed è comprensibile il disagio, ma, se è vero che questa pandemia non sarà più temporanea come speravamo, occorre andare oltre e sono convinta che una migliore comunicazione in questi casi possa fare la differenza tra la salute e potenziali focolai nei trasporti che, ricordiamolo, oggi più che mai sono un settore nevralgico per la tenuta del lavoro e dell’economia”. Lo dice l’eurodeputata del M5S, Rosa D’Amato.

 

Qui la lettera della deputata D’Amato e la risposta di FAL:

Ferrovie-Appulo-Lucane-sanificazione-convogli


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.