BRINDISI.Internalizzazione 118, Cobas:i lavoratori meritavano una soluzione migliore di quella che si è avuta

Il Sindacato Cobas ritiene che dopo anni e anni di lotta i lavoratori del 118 di Brindisi meritavano una soluzione migliore di quella che si è avuta.

Il part time a cui tanti lavoratori sono costretti da decisioni limitate dell’Asl ed accomodanti da Cgil ,Cisl,Uil, non rendono onore alle attività svolte con abnegazione e responsabilità per tanti anni, anche svolgendo di fatto lavoro nero con rimborsi a dir poco ridicoli.

Una lotta iniziata tanti anni fa con l’internalizzazione del 118 a Foggia per contrastare infiltrazioni mafiose e poi allargata a tutta la Puglia sostenuta dal Cobas e da altri sindacati di base;non certamente da chi oggi si butta sul mercato delle tessere come sciacalli.

Veniamo ai fatti accaduti nella giornata di ieri, Mercoledì 4  Novembre 2020.

In data odierna 04.11.2020,  in videoconferenza, si è svolta una riunione organizzata dalla ASL di Brindisi, con la presenza del DOTT. PASQUALONE, direttore generale della ASL di Brindisi e del DOTT.  ROSETO, amministratore unico della società SANITASERVICE SRL, con la presenza del COBAS e di altri sindacati non firmatariper esplicare le modalità di reclutamento dei lavoratori del 118 BRINDISI, in vista della internalizzazione.

La proposta da parte della ASL è quella di lasciare invariato l’attuale contratto di lavoro full-time agli operatori già così inquadrati, mentre di applicare a tutti gli altri operatori dipendenti e volontari un contratto di lavoro part-time a 30 ore settimanali.

Premesso che siamo dispiaciuti che il  Direttore Generale abbia abbandonato la riunione in malo modo, per divergenze di opinione, ribadiamo la nostra criticità sulla proposta della ASL su-esposta , per le seguenti Ragioni:

–          Economica: poiché ancora una volta, ci sarebbero lavoratori di seria A e lavoratori di serie B, situazione già vissuta e combattuta contro le associazioni di volontariato che gestiscono il servizio e che tra l’altro, negli ultimi anni, hanno assunto personale full-time, scavalcando, di fatto, secondo il criterio della clausola sociale, personale dipendente part-time e volontario  con anzianità di servizio maggiore.

 

–          Organizzativa:  la stessa ASL, con delibera aziendale 1891, a firma dello stesso Direttore Generale, a pagina 10 del Business plan, relativo all’affidamento a Sanitaservice ASL BR S.r.l. del servizio 118 Brindisi, indica chiaramente che “ è stato valutato ottimale un modello organizzativo con personale dipendente assunto in full-time”.

Sappiamo benissimo, che l’intenzione è quella di assumere quanta più gente possibile, ma questo non deve andare a discapito dei tanti lavoratori e volontari che hanno maturato molti più anni di servizio, rispetto a chi ne ha maturati di meno, e che sperano di avere un contratto full-time, al fine di raggiungere una “ dignità economica “ tanto sperata e sudata.

Pertanto i COBAS, chiedono che venga attuato, alla lettera, il BUSINESS PLAN approvato in data 11.09.2020.

 

Per il Cobas Roberto Aprile

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

BRINDISI.Si è perso il cane Totò, l’ appello disperato della padrona .

Totò, un bellissimo cane, affettuoso, che si è perso presso la struttura commerciale

Brinpark a Brindisi. Totò, che è come un figlio per la propria padrona, una donna

anziana. L’ultimo avvistamento di Totò il 17 mattina, al Parco del Cesare Braico, per

chi avesse  notizie questo il numero di cellulare a cui rivolgersi 3491449713.