Ostuni (Br).Riorganizzazione ospedaliera anti-COVID.Malcontento del quartiere di prossimità dell’Ospedale

In riferimento al Piano di riorganizzazione ospedaliera anti-COVID varato dalla Regione Puglia con cui l’Ospedale di Ostuni è stato individuato quale ospedale COVID, la sottoscritta Maria Colacicco Menna, avendo raccolto il malcontento del quartiere di prossimità dell’Ospedale di Ostuni e di buona parte della popolazione comunale, rappresenta quanto segue.

Secondo il Piano di riorganizzazione ospedaliera di agosto sembrerebbe che la scelta dei nuovi Presidi da attrezzare a centri Covid sia ricaduta su Ospedali ubicati quanto più possibile lontani dal centro abitato. È così per Martina, Castellaneta, Galatina, Copertino, Francavilla, Corato e Molfetta. È così per tutti i nuovi Ospedali Covid, tranne che per Ostuni.

Data l’ubicazione dell’Ospedale, la scrivente, facendosi anche portavoce dei residenti nel raggio di prossimità dello stesso, ha più volte rappresentato per le vie brevi all’amministrazione locale i dubbi e i timori circa la collocazione del Presidio Covid in pieno centro cittadino.

Come ormai noto, il Covid è una malattia altamente infettiva il cui virus resta attivo anche per diverso tempo nell’aria causando catene di contagi. Per questo vengono vietati assembramenti e vengono adottate tutte le cautele possibili per contenerne la diffusione e la propagabilità.

Ma destinare il nostro presidio ospedaliero, ubicato in pieno agglomerato urbano, non potrebbe ancor più alimentare la diffusione del contagio con l’andirivieni di persone e ambulanze, con la necessità di aerazione dei locali ospedalieri, con conseguente dispersione del virus nell’aria? Non sarebbe forse più opportuno, logico e sicuro destinare per questa emergenza altre strutture di proprietà del comune situate più in periferia?

Siamo tutti molto preoccupati e chiediamo a Sindaco, ASL di Brindisi, Regione e Presidente della Repubblica, quantomeno, di darci conto di una scelta a nostro avviso temeraria e per nulla garantista della tutela della salute della popolazione locale.

 

Maria Colacicco Menna


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.