PERRINI (FDI): LO STRANO CASO DEI POSITIVI PUGLIESI REGISTRATI IN BASILICATA

Di seguito la dichiarazione del consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Renato Perrini

“Un quinto dei positivi registrati dalla regione Basilicata, è residente in Puglia. Questo oltre ad aumentare il tasso dei contagi della Basilicata, falsa completamente tutta l’analisi dei dati alla base dell’algoritmo dell’Istituto Superiore della Sanità con cui il Ministero della Salute decide il colore delle zone per le restrizioni delle regioni.

“Sia chiaro non sono pugliesi residenti nella vicina Basilicata o che si spostano per lavoro. Semplicemente quello che sta accadendo è che i pugliesi, che non riescono a fare il tampone in Puglia né tramite il Servizio Sanitario Regionale né tramite laboratori privati (vietati clinicamente nella nostra regione), vanno a farlo a Matera, gratuitamente. Cos? come già avviene, specie per i pugliesi confinanti con la Basilicata, per altri esami diagnostici: risonanze, tac etc etc. Non è un mistero, ma solo ieri, dopo due settimane dall’invio dei tamponi antigenici alla Regione Basilicata è venuta fuori la cifra di ‘un quinto di positivi pugliesi’.  Il commissario Arcuri, infatti, con una lettera la ASL aveva chiesto a medici di famiglia e pediatri di comunicare ‘a stretto giro’ l’indirizzo dove si sarebbero effettuati: ‘chiedo alla ASL di comunicare immediatamente ai pazienti tutti i medici disponibili per antigenici in ambulatorio, garantendo massima adesione mettendoli nelle condizioni di operare con massima igiene e sicurezza’.

“Voi come la definireste una Sanità che pure sui tamponi vede tanti cittadini (pugliesi) vedersi riconosciuto il diritto alla salute in un’altra Regione?”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.