Brindisi. Altre due spaccate a negozi di abbigliamento la scorsa notte. Confesercenti: situazione fuori controllo

Confesercenti Brindisi lancia l’allarme sicurezza per gli esercizi commerciali.  Danneggiamenti e furti messi a segno negli ultimi giorni: gli ultimi questa notte.  Nel mirino della microcriminalità, ancora una volta il negozio Portico 12  situato nel cuore del centro commerciale di Brindisi. Negozio già vittima di un furto subito qualche giorno addietro.

Sempre nella stessa notte i malfattori hanno preso di mira “Noha”, un altro negozio di abbigliamento situato in corso Umberto.

La situazione sicurezza continua a destare ancora tante preoccupazioni, questo il commento di Michele Piccirillo, Presidente f.f. della Confesercenti provinciale.  Questi episodi avvengono tutti con le stesse modalità e presuntivamente ad opera della stessa mano. Un fenomeno angoscioso che si inserisce in un quadro già difficoltoso per la complessa situazione economica delle attività commerciali, e – prosegue –  sappiamo dell’enorme sforzo messo in piedi in questi anni da parte degli organismi addetti alla Sicurezza ma a quanto pare c’è ancora altro da fare per sopperire alla continua esigenza di sicurezza di cui necessitano le nostre imprese e i cittadini.
Esprimiamo la nostra vicinanza e solidarietà alle imprese che sono state colpite da questi fenomeni e restiamo a disposizione per cercare di trovare soluzioni per arginare questo fenomeno increscioso.

Michele Piccirillo – presidente f.f.  Confesercenti Brindisi 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.