TRANSITION FUND, CIS E RECOVERY PLAN – D’ATTIS(F.I.): IL SINDACO DI BRINDISI DICA QUALI CARTE HA IN MANO. EVITIAMO ULTERIORI MORTIFICAZIONI

 Su Transition Fund, CIS e Recovery Plan la posizione del territorio brindisino appare sempre più marginale e si corre il rischio di rimanere tagliati fuori da qualsiasi ipotesi di utilizzo di tali strumenti.

Il sindaco Riccardo Rossi fino ad oggi si è mostrato indifferente rispetto ad una mia offerta di concreta collaborazione, a livello parlamentare, per sostenere le ragioni della città di Brindisi e si è limitato ad assicurare crediti ottenuti da vari Ministri nei suoi confronti e nei confronti di questo territorio. Il tutto, però, si è dimostrato nei fatti del tutto inesistente. Non è certo con comportamenti arroganti e presuntuosi che Rossi può pensare di difendere Brindisi ed è per questo che gli chiedo formalmente di informare la città sul reale stato delle cose in riferimento alla costruzione della proposta di Governo su CIS e Transition Fund. E gli chiedo di farlo ‘carte alla mano’ e non attraverso annunci e le solite dichiarazioni alla stampa, finora puntualmente smentite dagli atti ufficiali di Governo nazionale e regionale. E’ evidente che questa volta Rossi non può fare da solo. Le sue forze sono troppo deboli e se dovesse fallire non sarebbe solo per la sua carriera politica, ma anche per la città.

Lo ha dichiarato il parlamentare brindisino Mauro D’Attis (F.I.).


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.