Miglietta (Forza Italia):Sembrerebbe che i giochi siano oramai chiusi e che il territorio Brindisino resti fuori dagli investimenti programmati per il Just Transition Fund.

Investimenti messi in campo dall’ UE che, servirebbero a creare un contesto in grado di agevolare e stimolare gli investimenti pubblici e privati necessari ai fini della transizione verso un’economia climaticamente neutra, verde, competitiva e inclusiva.

Il Just Transition Fund, pensato per aiutare le regioni più povere dell’UE, consentirebbe di muoversi verso un’economia a emissioni zero, attraverso una progressiva riduzione del consumo di combustibili fossili e il passaggio a tecnologie meno inquinanti in tutti i settori, finanzierebbe l’uscita dalla dipendenza dai combustibili fossili nelle regioni europee che più ne dipendono. Resta prerogativa dallo Stato, della Regione o dagli enti locali, farne richiesta. Da Consigliere Provinciale, nel maggio scorso, avevo presentato una mozione al Presidente Rossi, dove chiedevo a Lui, in rappresentanza dell’intero consiglio Provinciale, di farsi portavoce con il Governo Italiano e con urgenza, di voler inserire anche Brindisi e la sua area industriale nei piani territoriali in corso di redazione, attivando la relativa concertazione con l’autorità regionale. Mozione che dopo essere decaduto dalla carica provinciale non ha più avuto seguito, lasciandomi di fatto preoccupato del poco interesse dimostrato da Lui e dall’intero Consiglio di fronte ad una concreta possibilità di sviluppo e crescita del nostro territorio. Ipotesi che sembra oramai sempre più probabile in questi ultimi giorni e che lascia l’amaro in bocca per la superficialità e immobilismo dimostrato ad affrontare la questione.

 

Antonio Miglietta (Forza Italia)


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.