Ilva, La Confederazione Cobas di Taranto unitamente a quella di Brindisi esprimono un giudizio fortemente negativo sull’accordo Invitalia-Arcelor Mittal dai contenuti fortemente penalizzanti per Taranto.

La Confederazione Cobas da sempre è sulla linea della chiusura dell’Ilva e l’utilizzo di quei soldi decisi dall’attuale accordo , quelli come il tesoretto Riva, quelli previsti per il piano industriale ,  per una reale riconversione dell’economia Tarantina.


La riconversione ecosostenibile deve riguardare anche i lavoratori che provengono dal Brindisino, che si aggirano intorno ad un migliaio.

La Confederazione Cobas ha partecipato Mercoledì 9 Dicembre al sit in promosso dalle associazioni Tarantine per dire No all’accordo che si stava realizzando in quelle ore tra Arcelor Mittal ed  Invitalia (agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa) ed ad un accordo di programma promosso dalla Regione Puglia comunque molto limitata nei suoi contenuti, in particolare rispetto al concetto di decarbonizzazione.

 La video conferenza sull’accordo di programma che si doveva svolgere alle ore 12,00 della mattina del sit in è saltato perché Conte ha dichiarato la sua disponibilità a voler partecipare.

Le richieste degli Enti Locali, quando sarà,  insomma saranno discusse come si suol dire a babbo morto.

Con l’accordo sottoscritto in questi giorni non c’è nessuna possibilità di cambiamento creando questo un grave disappunto per Regione e Comune .

 Qualora fossero vere le loro recriminazioni dovrebbero mettere ai piedi  le scarpe da tennis e marciare davanti all’Ilva.

Un accordo lungo  48 pagine , quello tra Invitalia ed Arcelor Mittal, che  prevede molte cose :

-5,5 milioni di tonnellate di acciaio continuando ad  utilizzare  carbone ,con la   ricostruzione dell’altoforno 5 e manutenzione  dell’altoforno 4.

-un forno elettrico che di fatto coprirebbe il 33 % della produzione per  2,5 milioni di tonnellate .

-produzione portata complessivamente ad 8 milioni di tonnellate; oggi la produzione si attesta sui tre milioni di tonnellate.

-Conte in televisione per confermarci la bontà dell’accordo parla di utilizzo dell’idrogeno di cui nell’accordo non se ne trova traccia.

Non sappiamo nemmeno se nelle loro intenzioni sarà idrogeno verde o blu; noi pensiamo male e siamo convinti che l’idrogeno sarà prodotto dal gas di Tap/Snam.

 Il tutto per aiutare a  riempire  a Ravenna l’impianto di CSS ?

Oggi il gas di Tap non è nelle condizioni di essere trasportato perché si ferma a Brindisi alla stazione di Snam che non ha la possibilità per mancanza di collegamento al resto d’Italia.

 

–        Dulcis in fundo …l’accordo prevede la certezza di una  immunità giudiziaria per gli impianti e le persone ; immunità di vecchia memoria portatore di tante disgrazie decise attraverso i tanti decreti salva -Ilva .

–        Si cancella l’impegno di Arcelor Mittal  a realizzare   un piano industriale concordato e finanziato per 2,4 Miliardi di euro ed un affitto per 1,8 Miliardi di euro per un totale di 4,2 Miliardi di euro.

–        Si chiede ad AM un intervento di soli 70 Milioni di euro per questi anni , per realizzare l’attuale accordo  addirittura peggiore del vecchio piano industriale.

Sembra di essere alla follia istituzionale.

–        L’intervento dello Stato sarà  invece di  un miliardo di euro da realizzare in 2 momenti.

 Un intervento dello Stato Italiano così pesante se si pensa anche che non può esserci, stando alle decisioni del parlamento Europeo, nessun intervento per così dire “Green”.

-Nell’accordo è anche previsto che lo Stato Italiano sopporterà le spesa per gli ammortizzatori sociali per almeno un quinquennio per migliaia di lavoratori , che corrisponde ad una notevole e significativa cifra economica .

Per la Confederazione Cobas è il momento di andare davanti ai cancelli dell’Ilva con tutti  i Tarantini e con chi è sensibile al problema dell’ambiente e che rifiuta il ricatto del lavoro.

Sedi della Confederazione Cobas a Taranto e in Puglia


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

BRINDISI.Si è perso il cane Totò, l’ appello disperato della padrona .

Totò, un bellissimo cane, affettuoso, che si è perso presso la struttura commerciale

Brinpark a Brindisi. Totò, che è come un figlio per la propria padrona, una donna

anziana. L’ultimo avvistamento di Totò il 17 mattina, al Parco del Cesare Braico, per

chi avesse  notizie questo il numero di cellulare a cui rivolgersi 3491449713.