BRINDISI.FIVA-CONFCOMMERCIO: CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER GLI AMBULANTI

L’emendamento di quattro milioni di euro come ristoro per la Categoria degli Ambulanti, espresso ieri all’unanimità (17 Dicembre) in conferenza dei capigruppo in Regione Puglia, alla presenza del Presidente del Consiglio Regionale Loredana Capone, in favore di un intervento che punta a dare ossigeno ad una delle Categorie più colpite dalla pandemia, non è altro che un riconoscimento storico nei confronti di una ”Categoria disagiata” e abbandonata totalmente , da anni, dalle Istituzioni.

Finalmente il dato oggettivo è aver concretizzato un provvedimento di natura finanziaria, quale esso sia, che colloca questo comparto non più ai margini di una vasta platea estremamente importante per l’intero territorio e per l’intera economia.

A dichiararlo è il Coordinatore Provinciale di Fiva-Confcommercio Tommaso Attanasi.

Siamo fieri di questo provvedimento da parte della Regione Puglia, che, finalmente, dopo lunghe ed estenuanti battaglie sul campo, insieme ad altre Associazioni di Categorie, si manifesta oggi un dato storico ed importante, favorendo così le nostre rimostranze, sollecitazioni e fiumi d’incontri Istituzionali che hanno sortito l’effetto tanto desiderato.

Lo spacchettamento delle risorse avrebbe portato alla morte definitiva della Categoria, anche se c’è da dire che si tratta di una somma insufficiente a coprire l’enorme mole di richieste che perverranno ai Comuni, ma che comunque è l’inizio di un percorso di concertazione e di concretizzazione con le parti sociali, tanto auspicato e rivendicato democraticamente a tutela della categoria e per iniziare a dare ossigeno alle Imprese Pugliesi, risposte concrete e non futili e virtuali promesse.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.