COVID, ZULLO (FDI): DA DOMANI TAMPONI RAPIDI NEGLI AEROPORTI PUGLIESI, QUEST’ESTATE NON PRIMA DI 72 ORE. LE CONTRADDIZIONI DI LOPALCO

“Da domani, 29 dicembre, tampone rapido negli aeroporti di Bari e Brindisi ai passeggeri in arrivo dalla Gran Bretagna.

Lo assicura l’assessore alla sanità, Pierluigi Lopalco, che deve essersi ravveduto rispetto a questa estate, quando contrariamente a ci? che accadeva in tutta Italia chi arrivava in Puglia dai quattro Paesi a rischio (Spagna, Grecia, Croazia e Malta) il tampone doveva essere fatto dopo 72 ore. Soprassediamo sul fatto che poi le 72 ore sono diventati anche 10 giorni di attesa per i pugliesi ‘sequestrati’ in attesa di un tampone e impossibilitati a tornare al lavoro… Ma le contraddizioni nelle quali inciampa il nostro assessore sono davvero tante.

“Un’altra è quella dell’improvviso utilizzo del tampone antigenico – Puglia fanalino di coda proprio nell’utilizzo – e che ora viene previsto su persone alle quali, invece, dovrebbe essere fatto quello molecolare per avere la certezza della positività, ma anche per rintracciare la possibile variante inglese. Isolare questi ultimi casi pu? essere utile ai fini di studio non solo per la contagiosità e letalità, ma anche, e soprattutto, ai fini dell’efficacia (contro questa variante) del vaccino che da ieri abbiamo iniziato a somministrare anche in Puglia.

“A chi gestisce e organizza la sanità pugliese proprio non gli riesce di essere coerente con le decisioni che vengono prese e intanto per l’ennesimo giorno la Puglia è prima in Italia per ingressi in terapia intensiva, (57) a fronte di un numero alto anche di decessi per Covid (47)”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.