Ue. Regimenti (Lega): “Con 5,1 miliardi di budget, programma EU4Health punto di partenza per rilancio sanità”

“Più risorse per prevenire le malattie cardiovascolari, prima causa di decesso in Europa e per proteggere la salute mentale dei cittadini europei, in un anno in cui il tasso di suicidi è drasticamente aumentato per le conseguenze della pandemia da Covid-19.

Sostegno, inoltre alla produzione di principi attivi farmaceutici all’interno dell’Ue per sfruttare l’eccellenza farmaceutica italiana. Grazie a questi emendamenti della Lega, il nuovo programma europeo per la salute, EU4Health, è migliorato ed è oggi un buon punto di partenza a supporto dei sistemi sanitari nazionali e per prevenire future minacce sanitarie transfrontaliere nel prossimo settennio 2021-2027”. Lo ha detto l’europarlamentare della Lega Luisa Regimenti, medico legale e responsabile Sanità per il partito nel Lazio, nel corso del webinar dal titolo “Il Nuovo Programma UE per la Salute. Carenze della sanità e opportunità europee”, durante il quale si è posto l’accento sulle criticità del sistema sanitario e sulle nuove opportunità a tutela della salute dei cittadini in una prospettiva europea.

“EU4Health aveva una dotazione iniziale di 9,4 miliardi di euro – ha precisato Regimenti, che ha seguito i lavori come co-relatrice per il Gruppo ID, Identità e Democrazia – scesa poi alla cifra irrisoria di 1,7 miliardi. In Parlamento siamo riusciti a far aumentare il budget a 5,1 miliardi. Resta il fatto che una parte di questi fondi verrà utilizzata per finanziare progetti dell’OMS, che riceve già, a fondo perduto, una percentuale fissa da ciascuno Stato membro. Inoltre, l’8% del budget, pari a 408 milioni, l’equivalente della portata finanziaria del programma sanitario europeo precedente, verrà erogata unicamente per le spese di burocrazia. Esempio evidente degli sprechi delle istituzioni a cui come Lega e Gruppo ID continuiamo a opporci”.

Secondo Regimenti, il nuovo programma europeo per la salute è tuttavia “un’opportunità da cogliere per il nostro Paese, per rilanciare una sanità penalizzata negli anni da continui tagli a fondi e finanziamenti. Le risorse europee permetteranno, tra l’altro, di migliorare la digitalizzazione dell’assistenza sanitaria, creando uno spazio europeo dei dati sanitari, di assicurare disponibilità e accessibilità economica di farmaci e dispositivi medici, di sostenere l’innovazione”.

“Sarà importante – ha sottolineato ancora l’esponente leghista – attuare programmi di formazione e di scambio per il personale medico e sanitario, ma anche sostenere azioni comuni degli Stati membri con dispositivi di resistenza antimicrobica e sperimentazioni cliniche per accelerare lo sviluppo e l’autorizzazione di farmaci e vaccini. Creare, inoltre, laboratori di riferimento e di centri di eccellenza dell’Unione. Ulteriori opportunità potranno arrivare dal buon utilizzo di strumenti come il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), per il miglioramento delle infrastrutture sanitarie regionali; l’Orizzonte Europa, per la ricerca e l’innovazione in campo sanitario; il RescEU, per la costituzione di scorte di forniture mediche di emergenza e il programma Europa digitale”.

“E’ insomma possibile – ha concluso Regimenti – la nascita di una politica sanitaria innovativa, che pur rimanendo di competenza nazionale, può essere più inclusiva e capace di affrontare in modo efficace le future minacce. L’impegno della Lega punta a questi risultati, per cambiare un’Europa ancora troppo lontana dai cittadini e dalle loro esigenze”.

Al dibattito hanno partecipato anche Francesco Paolo Capone, Segretario Nazionale UGL; Alfredo Becchetti, responsabile Lega per il Comune di Roma Capitale; l’On. Marco Campomenosi, Capo Delegazione Parlamento europeo; l’On. Anna Cinzia Bonfrisco, europarlamentare Lega; Antonio Magi, Presidente Ordine dei Medici di Roma; Stefano De Lillo, Vicepresidente Ordine dei Medici di Roma; Giovanni Carnovale, Revisore dei Conti Ordine dei Medici di Roma e Medico Rai; Giulio Tarro, medico virologo, Candidato al Premio Nobel alla medicina; l’On. Claudio Durigon, deputato e coordinatore regionale Lega Lazio.

Presenti, inoltre, gli onorevoli Davide Bordoni, Daniele Giannini, Maurizio Politi, Angelo Orlando Tripodi e gli esponenti del Tavolo Regionale della Sanità Lega Lazio Campanile, Cantale, Cavazzini, D’Angelo, Dauri, De Filippis, Greci, Marra, Matera, Nicolò, Pennica, Pirone, Russo, Toncelli, Vallone.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.