ZULLO A LOPALCO E MONTANARO: LA SOSPENSIONE DALLE ATTIVITA’ DOMICILIARI AI MEDICI CHE CHIEDONO ESONERO DAL FARE I TAMPONI NON VA BENE. RIVEDETE LA DECISIONE SUBITO!

“Attenti: nella nouvelle querelle (della quale non ne sentivamo il bisogno in un momento come questo) fra la Regione Puglia (Dipartimento Salute) e i medici di medicina generale (più conosciuti come medici di famiglia) chi ci rimette sono sempre i pazienti.

“Il 15% dei medici di base ha comunicato alle ASL di appartenenza che non intendono effettuare i test rapidi antigenici perché soggetti ‘fragili’, portatori di malattie croniche o in gravidanza. La risposta della Regione? Non puoi fare i tamponi, e allora ti sospendo da tutte le attività domiciliari. Vale a dire: ti penalizzo economicamente, perché non avrai più le indennità previste per le visite ai pazienti a casa.

“Francamente ci auguriamo che la disposizione punitiva sia stata scritta in tutta fretta e per questo invitiamo l’assessore alla Sanità, Pierluigi Lopalco, in primis, e il direttore del Dipartimento, Vito Montanaro, a fare chiarezza… e nel farlo a riflettere. Per questo ci permettiamo di suggerire alcune domande sulle quali riflettere:

1) l’effettuare tamponi rapidi da parte dei medici di famiglia pu? essere resa obbligatoria con un’ordinanza del Presidente Emiliano? L’Accordo Collettivo Nazionale ne sancisce l’obbligatorietà? A me pare di no, nella maniera più assoluta! Essa è un’attività particolare che deve non solo coniugarsi con la sicurezza e con lo stato di salute del medico ma anche con la sua autonoma decisione da assumere in scienza e coscienza circa la possibilità di eseguire una prestazione tenendo in debito conto il proprio codice deontologico. A tal proposito rimando agli articoli 4 (libertà e indipendenza della professione), 5 (il medico non deve soggiacere a imposizioni) 12 (al medico è riconosciuta autonomia nella programmazione, nella scelta e nella applicazione di ogni presidio diagnostico e terapeutico) , 18 (il medico non pu? assumere obblighi che non sia in condizione di soddisfare) e 19 (il medico al quale vengano richieste prestazioni che contrastino con la sua coscienza o con il suo convincimento clinico, pu? rifiutare la propria opera);

2) è dato ordine alle ASL di verificare se quel 15% di medici è effettivamente in condizioni di fragilità e di maggiore suscettibilità alle infezioni. Chiedo a Lopalco e Montanaro: quali competenze hanno i Direttori generali nell’accertare lo stato di salute dei medici di medicina generale o dei pediatri di libera scelta? Nessuna, se lo fanno sarebbe un abuso;

3) a quel 15% di medici sarà impedita ogni attività al domicilio dei pazienti e nelle RSA? Chiedo a chi ha ipotizzato questo: i pazienti assistiti a domicilio da quel 15% dei medici di base che ha chiesto l’esonero dal fare il tampone rapido che fine fanno? Chi li assiste nelle ADP e nell’ADI o nelle richieste di visite domiciliari d’urgenza? Non vorrei che Lopalco e Montanaro non ci abbiano pensato!

“Organizzare e gestire la Sanità pubblica non è una gara a chi è più furbo o a chi è più potente e alza di più la voce. E’ un’attività politico-amministrativa serissima e sta chi dirige questa attività creare un clima collaborativo e favorevole alla produttività. Il dilettantismo e il ‘dispettismo’ non aiutano in tempi normali, figuriamoci in questo periodo”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.