Rifiuti nucleari, Mazzarano: “La lista del governo è un orrore da cancellare”

“La Puglia e Taranto hanno già dato. Mi auguro che il governo faccia marcia indietro sui siti nucleari, altrimenti sarà mobilitazione”.


È il commento del consigliere regionale del Pd, Michele Mazzarano, alla notizia secondo la quale nella carta dei siti idonei per la costruzione del Deposito nucleare nazionale, la Puglia è stata inclusa con le aree di Gravina di Puglia e Altamura in provincia di Bari e un’altra area che va da Laterza nel tarantino fino a Matera.
“Si tratta di una scelta incomprensibile – aggiunge Mazzarano – che colpisce al cuore le politiche di rilancio e di sviluppo del nostro territorio, che in questi ultimi anni ci hanno visto pionieri in Italia ed in Europa con le battaglie per decarbonizzazione”.
“Inoltre è una scelta stravagante – aggiunge Mazzarano – perché ci si dimentica che l’intera area indicata idonea per i  rifiuti nucleari, e cioè l’area Murgiana e che va da Matera fino a Laterza, è rinata in questi ultimi anni grazie alle iniziative messe in campo con Matera Capitale Europea della Cultura. Iniziative che hanno valorizzato la vocazione culturale e turistica del territorio che un sito nucleare come quello previsto dal governo finirebbe con il radere al suolo”.
“Per quanto ci riguarda questa lista è un errore, o sarebbe più appropriato dire un orrore – conclude Mazzarano – che va immediatamente cancellato”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.