Approvata la mozione del M5S per l’inserimento della maculopatia nei LEA. “Necessario garantire a tutti la possibilità di curarsi”

Approvata all’unanimità la mozione presentata dal M5S per impegnare la Giunta regionale a promuovere anche in sede di Conferenza delle regioni e delle province autonome, l’inserimento della maculopatia degenerativa miopica e senile nei Livelli Essenziali di Assistenza (Lea).

La maculopatia è attualmente la principale causa di cecità riconosciuta dalle disposizioni normative vigenti e interessa principalmente la popolazione di età superiore a 50 anni, non essendo comunque escluso che possa manifestarsi già nell’infanzia o in giovani adulti. Il danno maculare si sviluppa rapidamente e, senza trattamento, determina la perdita della visione centrale.

“Parliamo di una patologia – spiegano i pentastellati – che ha purtroppo un altissimo potere invalidante, per questo è di fondamentale importanza la possibilità di giungere, in tempi appropriati, ad una diagnosi precoce. La maculopatia comporta anche costi ingenti per chi ne è affetto che, secondo stime e dichiarazioni rese dagli interessati, si aggirerebbero intorno ai 3800 euro l’anno. Le spese riguardano prevalentemente visite specialistiche, esami diagnostici, costi di spostamento e acquisto di ausili visivi. Abbiamo presentato la mozione perché riteniamo indispensabile, in linea con quanto fatto anche da altre Regioni come Toscana, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lombardia e Sardegna, garantire l’accesso alla diagnosi e alle eventuali cure successive a tutti i cittadini, a prescindere dalle capacità economiche del singolo, possibile solo attraverso l’esenzione del ticket, che si realizza inserendo la maculopatia nei LEA”.  


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.