EDISON E CONFINDUSTRIA PUGLIA AL FIANCO DELLE IMPRESE LOCALI PER LA DECARBONIZZAZIONE DELLA REGIONE

In Puglia è possibile ridurre la spesa energetica delle imprese di 4 miliardi di euro riducendo al contempo le emissioni di CO2 di 15,7 milioni di tonnellate in 10 anni grazie all’autoproduzione e all’efficienza energetica. 

Il tema è stato discusso nel corso del webinar organizzato da Edison e Confindustria Puglia che ha visto la partecipazione di 120 imprese locali.

La Puglia registra consumi finali di energia pari a 5,578 MTEP (Milioni di Tonnellate Equivalenti di Petrolio) all’anno, pari al 4,9% dei consumi totali nazionali. In particolare – secondo i dati dello studio ‘Energia e competitività in Puglia’ a cura del Politecnico di Milano e dello spinoff del Politecnico di Bari Ingenium presentati durante il webinar organizzato da Edison col supporto di Confindustria Puglia e in collaborazione con le territoriali Bari e BAT, Brindisi e Foggia – il settore industriale regionale risulta particolarmente «energivoro», rappresentando il 25,7% dei consumi finali, ben oltre la media nazionale, pari al 21%

Dalla ricerca è emerso, inoltre, un rilevante ricorso dell’industria pugliese a combustibili solidi (come carbone e carbon coke): circa il 25,5% dell’energia consumata dal comparto, infatti, proviene da combustibili fossili rispetto al solo 5% registrato a livello nazionale. Il largo uso (soprattutto in siderurgia) di fonti energetiche derivanti dal carbone rende il mix di combustibili utilizzati in Puglia meno efficiente a livello di emissioni di CO2 rispetto a quelli utilizzati a livello nazionale: il settore industriale pugliese, infatti, sebbene rappresenti solo il 5,9% dei consumi energetici nazionali del comparto, è responsabile del 6,7% delle emissioni di tutto il settore industriale italiano

Tuttavia, è emerso durante il dibattito, è uno scenario che potrebbe migliorare nel giro di pochi anni qualora le imprese industriali del territorio consolidino i percorsi di efficientamento in grado di renderle più competitive e meno impattanti a livello ambientale: autoproduzione di energia, efficientamento energetico, monitoraggio e ottimizzazione dei consumi. 

Fra il 2015 e il 2019 gli investimenti in efficienza energetica effettuati in Puglia – regione con margini di efficientamento energetico e decarbonizzazione importanti – risultano nel complesso pari a circa un miliardo di euro, trainati dal settore industriale che ha investito 586 milioni. Considerando gli obiettivi fissati nel Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima e la quota in capo alla Regione Puglia, si stima che la riduzione dei consumi energetici al 2030, rispetto ai livelli degli ultimi dati disponibili, sarà del 12% (oltre 170mila Tonnellate equivalenti di petrolio) nel settore industriale e dell’11,4% (quasi 97mila Tonnellate equivalenti di petrolio) nel settore terziario.

Per il conseguimento di questi obiettivi saranno necessari nel decennio 2021 – 2030 investimenti in efficienza energetica di 1,6 miliardi di euro nel settore industriale e di 3,9 miliardi nel terziario che consentiranno, rispettivamente, risparmi in bolletta pari a 1,35 e 2,7 miliardi di euro, oltre che un taglio nelle emissioni di CO2 di circa 10,7 milioni di tonnellate (pari a quelle emesse da oltre 600.000 auto per dieci anni) nel settore industriale e di oltre 5 milioni in quello terziario (300.000 auto). Investimenti – è stato evidenziato durante l’incontro – coperti non solamente dalle imprese, ma anche attraverso incentivi e fondi specifici europei e nazionali come il Next Generation EU.

“Edison – ha dichiarato l’amministratore delegato di Edison, Nicola Monti – è protagonista della transizione energetica italiana e intende esserlo anche attraverso le risorse e competenze che mette a servizio del Paese e delle sue imprese per raggiungere gli obiettivi fissati dal PNIEC. Oggi siamo presenti a questo evento virtuale in Puglia perché crediamo molto in questa regione e nelle potenzialità del suo settore produttivo: portiamo la nostra esperienza nella produzione di energia sostenibile e nei servizi di efficienza energetica per accompagnare gli attori regionali sia del settore pubblico che privato nei loro percorsi di sviluppo, aiutandoli a sprigionare le loro potenzialità in linea con gli obiettivi climatici ed ambientali, oggi imprescindibili”.

“Gli ingenti investimenti nella transizione energetica – ha dichiarato il presidente di Confindustria Puglia, Sergio Fontanasono fondamentali per il loro significativo impatto su PIL, occupazione e ricadute ambientali e costituiscono una leva importante per favorire la ripartenza del nostro Paese. In questo quadro, il settore energetico pugliese dovrà rilanciare gli investimenti volti alla crescita delle filiere innovative e alla riconversione, all’adattamento e alla trasformazione degli asset esistenti, anche nel rispetto dei criteri di economia circolare che assicurano la sostenibilità economica, ambientale e sociale degli interventi. L’obiettivo è quello di contribuire in maniera decisiva alla realizzazione di un importante cambiamento della politica energetica nel mondo produttivo verso il Green New Deal

“Accrescere la competitività riducendo i costi energetici: è questo l’obiettivo che ci poniamo – ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo economico e all’Energia della Regione Puglia, Alessandro Delli Noci – in questo periodo in cui programmiamo la ripresa economica all’interno di questa grave emergenza sanitaria e in cui pianifichiamo un nuovo scenario energetico per la Puglia. Abbiamo, infatti, la necessità, e anche la determinazione, di preparare il nuovo piano energetico ambientale che non potrà prescindere da alcuni punti chiave: diminuire complessivamente la dipendenza della Regione Puglia dai combustibili fossili e aumentare il livello di investimenti per l’efficienza energetica delle industrie pugliesi. Dovremo quindi governare un passaggio verso modi di produrre l’energia che facciano ancora più affidamento sulle energie rinnovabili, e integrare in maniera capillare la produzione e la gestione dell’energia in tutti i settori economici. La transizione energetica è una nostra priorità così come l’impiego di fonti energetiche alternative tra cui l’idrogeno”.

Al webinar sono intervenuti anche il presidente del MIP Politecnico di Milano Graduate School Vittorio Chiesa e il vicepresidente della Fondazione Edison Marco Fortis che ha ricordato la vivacità del contesto imprenditoriale pugliese, costituito da quasi 330.000 aziende, di cui l’8% (oltre 26.000) manifatturiere che occupano il 14% degli addetti. Un sistema industriale supportato nel suo sviluppo dal settore della ricerca, che conta oltre 5.000 ricercatori e competenze scientifiche in vari ambiti interdisciplinari, dalla biologia all’aerospazio, dall’ICT alle nanotecnologie; e che ha contribuito alla nascita e al consolidamento di vari distretti tecnologici.

Edison è attiva in Puglia nella produzione di energia elettrica attraverso 11 impianti eolici, 27 impianti fotovoltaici e la centrale termoelettrica di Candela (FG). La società, che è un player nazionale impegnato lungo tutta la penisola, vende energia elettrica e gas a 200.000 clienti, consegna gas naturale a 20 stazioni di rifornimento metano per autotrazione e fornisce servizi per la gestione sostenibile delle risorse energetiche e ambientali di imprese, terziario e Pubblica Amministrazione. 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

BRINDISI.Si è perso il cane Totò, l’ appello disperato della padrona .

Totò, un bellissimo cane, affettuoso, che si è perso presso la struttura commerciale

Brinpark a Brindisi. Totò, che è come un figlio per la propria padrona, una donna

anziana. L’ultimo avvistamento di Totò ieri mattina, al Parco del Cesare Braico, per

chi avesse  notizie questo il numero di cellulare a cui rivolgersi 3491449713.