Sbalzi di tensione e interruzioni temporanee nella fornitura di energia elettrica: Confesercenti Brindisi offre assistenza legale alle imprese vittime del disservizio

La sezione provinciale della Confesercenti offre assistenza legale ai titolari di attività produttive e commerciali vittime dei disagi provocati da sbalzi di tensione e interruzioni temporanee nella fornitura di energica elettrica, che si verificano nel territorio di Ostuni.

Un problema sollevato più volte nel corso degli anni e segnalato a E-distribuzione, azienda di Enel che gestisce la rete elettrica italiana di media e bassa tensione, che torna a gravare sull’andamento economico e produttivo di tante aziende ostunesi.

Nei giorni scorsi a lamentare il continuo verificarsi di questo tipo di disservizio, sono stati gli imprenditori della zona industriale, legittimamente preoccupati da eventuali guasti a impianti elettrici ed elettronici, che si aggiungono a un immancabile rallentamento della produzione. Nel settore del commercio la situazione non è migliore. Gli stessi disagi si verificano, infatti, anche nella centralissima viale Pola, dove titolari e gestori degli esercizi commerciali subiscono da tempo disservizi identici.

«Le micro interruzioni lamentate dagli imprenditori della zona industriale – spiegaMichele Piccirillo, responsabile della Confesercenti di Ostuni e presidente facente funzioni della Confesercenti di Brindisi– riguardano in realtà anche la zona commerciale di viale Pola e più in generale tutto il territorio ostunese. La Confesercenti provinciale intende farsi carico di questi disagi e mette a disposizione delle aziende colpite i propri uffici legali e le competenze dei delegati della nostra struttura.

I danni provocati dalla discontinuità del servizio di fornitura di energia elettrica sono diversi e di varie proporzioni. Interruzioni temporanee e sbalzi di tensione si riscontrano generalmente a metà mattinata e rappresentano un pericolo non solo per computer, macchinari e attrezzature, ma anche per gli impianti di illuminazione, di cui vengono danneggiati i trasformatori. Qualcuno ha potuto fare fronte ai rischi, dotando i computer e le macchine principali di gruppi di continuità, ma non tutti si possono permettere soluzioni del genere, che comportano spese non di poco conto. Inoltre, non tutti i dispositivi possono esserne dotati. Il funzionamento di modem, telefoni, registratori di cassa,misuratori fiscali, pos e impianti d’illuminazione, infatti, dipendono  esclusivamente dalla linea elettrica. Perciò – continua il presidente Piccirillo – in un momento di grande complessità per le nostre attività produttive e commerciali, la Confesercenti di Brindisi ritiene fondamentale garantire un’adeguata assistenza legale alle aziende associate e non solo.

L’invito è rivolto a tutti. Qualora i danni dovessero riguardare un numero considerevole di imprese – conclude Michele Piccirillo – si valuterà l’ipotesi di procedere con un  classaction. Se invece i danni sono attribuibili solo a qualche realtà, forniremo supporto legale nei singoli procedimenti».

Per mettersi in contatto con la sede provinciale di Confesercenti è possibile scrivere al seguente indirizzo mail presidente.confesercenti@gmail.com,  o confesercenti.ostuni@gmail.com oppure chiamare al numero 0831.523190

Michele Piccirillo – Presidente f.f. 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.