VACCINAZIONI ANTI COVID, CAROLI (FDI): CIRCA 100 BRINDISINI HANNO RICEVUTO DOSE SENZA AVERNE DIRITTO. L’ASSESSORE LOPALCO NON HA NULLA DA DIRE O CHIARIRE?

“Circa 100 brindisini si sono vaccinati contro il covid pur non avendone diritto in questa prima Fase, vale a dire quella che è partita il 30 dicembre scorso e che in questi giorni vede medici, operatori sanitari, ospiti RSA richiamati per la seconda dose.

“Non puntiamo il dito contro nessuno, né consideriamo i 100 che hanno beneficiato della somministrazione dei ‘furbetti’, anche perché di fatto qualche operatore sanitario l’ha consentita. Ma non possiamo non chiederci se sia giusto che persone che per disposizioni ministeriali non rientravano in questa prima fascia siano stati vaccinati a discapito di tanti anziani o altre figure professionali decisamente più a rischio.

“Non andiamo a caccia di colpevoli, ma non possiamo non chiederci – e lo facciamo con un’interrogazione – se ci? che è accaduto a Brindisi è a conoscenza dell’assessore alla sanità, Pierluigi Lopalco, visto che quanto da noi sostenuto è stato ampiamente denunciato anche dalla stampa locale, regionale e nazionale. Da Lopalco vogliamo sapere, inoltre, se esiste presso al ASL di Brindisi un calendario delle vaccinazioni per la Fase 1 e, nella certezza che esista, come è possibile che non una o dieci dosi, ma bens? un centinaio siano state somministrate a persone non incluse in quell’elenco?


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.