VACCINI E RAZZA PADRONA di Tommaso Bruno – Pensionato e Italiano del Sud

Per sostituire un assessore alla sanità come Gallera la grande Lombardia, a trazione leghista, ha insediato al suo posto Letizia Moratti, donna con grande pedigree, la quale appena iniziato il suo compito si presentata subito qual è: esponente di quella razza padrona che ritiene di essere unta dal Signore, tanto da aver diritto a tutti i privilegi e passare avanti a tutti, anche nella vaccinazione anti Covid-19.

Chi produce di più si deve salvare, avrebbe affermato senza alcuna smentita da parte sua; gli altri sono inferiori, quasi pesi, scarti!

Non si può considerare altrimenti la sua “geniale” uscita sul destinare le dosi di vaccino prima di tutti alle regioni con il Pil più alto.

 In sostanza la Signora Moratti – con tanto di lettera istituzionale al commissario Arcuri – sostiene che un ammalato di Milano, di Bergamo o di Brescia, abitando in una regione che produce un Pil pari a 385 miliardi ha diritto al vaccino più del malato pugliese con il suoi 107 miliardi di Pil o di quelli della Calabria (33 miliardi) e della Basilicata (appena 12 miliardi).

E’ assurdo!  Da una finora rispettabile signora che ha avuto persino esperienza di governo, non ci si aspettano concezioni e richieste così inopportune.

Senza voler generalizzare, è veramente “la razza padrona” che esprime tutta la sua presunzione razzista contro chi ha avuto la sventura di nascere in regioni da sempre emarginate e sfruttate (Svimez documenta che il Nord ha sottratto al Sud qualcosa come 60 miliardi l’anno), anche e in gran parte da quella “razza” che molte volte riesce a salire fino al governo del Paese, che da sempre vuole un Paese diviso e con le sue  diseguaglianze territoriali e che ancora più presuntuosamente aspira a governare in modalità sovranista il Paese.

Francamente se questo è il meglio che la Lega e Salvini in prima persona riescono a proporre nelle nostre Istituzioni, possiamo volentieri farne a meno.

 Spero che anche questo, oltre tutto il resto (autonomia differenziata,ecc. ecc.) faccia riflettere quanti anche qui al Sud, semmai in buonafede, strizzano l’occhio a questi personaggi! 

 

                                                                                                            Tommaso Bruno 

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.