BRINDISI. (Br).ANTONINO (PRI).Giù le mani dal Consorzio Industriale!

Come deciso dalla Segreteria Cittadina del PRI ho depositato un ordine del giorno sul progetto di legge regionale di riforma dei Consorzi Industriali.

Ho chiesto al Presidente del Consiglio di valutare la possibilità di convocare sull’argomento un Consiglio Comunale urgente in seduta monotematica nella convinzione che l’ipotesi dell’accorpamento del Consorzio Industriale di Brindisi con quelli di Lecce, Taranto e Foggia veda la contrarietà di tutte le forze politiche rappresentate nell’Assise Cittadina.

L’urgenza è dettata dalla circostanza che le audizioni dell’Assessore DELLI NOCI stanno procedendo con un ritmo incalzante.

Dopo una prima audizione con UPI ed ANCI nella giornata di domani è previsto l’incontro con i Presidenti dei Consorzi ASI, cui seguiranno quelli con i Presidenti delle Camere di Commercio, con le Associazioni di categoria e con le Organizzazioni Sindacali.

La follia è che per quella che si configura come una vera e propria fusione non è prevista la consultazione degli  Enti soci!

E’ come se per la fusione tra società di capitali ad esprimersi fossero gli Amministratori e non anche i detentori del capitale sociale!

Ma nella proposta di riforma dei Consorzi Industriali vi sono anche dei profili di illegittimità che andrebbero attentamente valutati.

Così è ipotizzato che nelle singole realtà industriali vengano costituite delle società in house espressamente vietate dalla Legge MADIA.

Ancora va sottolineato che la competenza in materia di riforma dei Consorzi Industriali spetta allo Stato e non alle Regioni, che hanno esclusivamente un ruolo nel controllo della gestione finanziaria degli Enti.

Ciò è tanto vero che il Sottosegretario Mario TURCO, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega alla Programmazione Economica e agli investimenti,  in vista di una Legge statale di riforma dei Consorzi,  ha presentato una informativa al CIPE sull’attività di monitoraggio svolta sui 67 ASI esistenti in Italia, di cui ben 39 risultano in liquidazione o inattivi!

Del resto in Puglia il Consorzio ASI di Brindisi è uno dei pochi che offre servizi reali alle imprese non avendo come unica attività consortile la cessione dei suoli alle aziende interessate ad insediarsi nell’area industriale.

E presenta bilanci in attivo a differenza di quasi tutti gli altri Consorzi ASI della Regione.

Non si comprende, allora, per quale ragione solo il Consorzio Industriale di Bari rimarrebbe autonomo mentre tutti gli altri dovrebbero confluire in un carrozzone che non avrebbe “la testa” a Brindisi.

Con l’Ordine del giorno chiedo che il Consiglio Comunale di Brindisi impegni il Sindaco, anche nella sua veste di Presidente della Amministrazione Provinciale, di opporsi in tutti i modi ed in tutte le sedi a questa progettata fusione assumendo le più idonee iniziative di intesa con i Sindaci dei Comuni di Fasano, Francavilla Fontana ed Ostuni e con i Consiglieri Regionali eletti nella nostra provincia.

Una volta tanto serve fare fronte comune e farlo in fretta prima che altri decidano per noi!


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

BRINDISI.Si è perso il cane Totò, l’ appello disperato della padrona .

Totò, un bellissimo cane, affettuoso, che si è perso presso la struttura commerciale

Brinpark a Brindisi. Totò, che è come un figlio per la propria padrona, una donna

anziana. L’ultimo avvistamento di Totò ieri mattina, al Parco del Cesare Braico, per

chi avesse  notizie questo il numero di cellulare a cui rivolgersi 3491449713.