SCORIE RADIOATTIVE, FRATELLI D’ITALIA: SIAMO STATI FRA I PRIMI A DIRE NO. ORA EMILIANO CONVINCA IL GOVERNO AMICO A NON SCEGLIERE UN SITO PUGLIESE

“Quello che ci siamo chiesti subito, come Fratelli d’Italia, è stato: ma come pu? un ministero dell’Ambiente individuare come siti per scorie radioattive tre Comuni che rientrano tutti e tre nei cosiddetti Parchi naturali istituiti con legge?

Ma è mai possibile che Altamura e Gravina, Comuni del Parco dell’Alta Murgia, e Laterza, Comune del Parco delle Gravine (Oasi Lipu) possano essere individuati per interrare rifiuti speciali ospedalieri o rinvenienti a vecchie centrali nucleari? Ma quali sono i criteri che vengono adottati da chi li sceglie? Tenuto conto che oltre ai Parchi i tre Comuni pugliesi sono a forte vocazione turistico-agricola?

“Per questo all’indomani della notizia abbiamo presentato una mozione che è stata inserita nella mozione generale portata già in Consiglio e approvata all’unanimità con la quale si dà mandato al presidente della Regione, Michele Emiliano, di mettere in atto tutte le azioni per evitare che questo scempio possa compiersi. Del resto a Emiliano che nel Governo ha un suo ministro, Francesco Boccia, e che si dice fortemente amico del premier Giuseppe Conte, non dovrebbe essere difficile raggiungere il risultato di preservare e proteggere la Puglia da simili rifiuti.

“Oggi l’argomento è stato nuovamente trattato in ben due Commissioni regionali, proprio perché come consiglieri regionali non intendiamo abbassare la guardia!”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.