PUGLIA, D’AMATO (GREENS): PETIZIONE UE PER PRECARI NELLA SANITA’ VA AVANTI

“La battaglia in Europa per la stabilizzazione degli infermieri precari in Puglia, e in generale per i diritti dei precari della pubblica amministrazione in tutta Italia, va avanti.

Oggi, la commissione Petizioni del Parlamento europeo ha deciso di far proseguire questa battaglia, iniziata nel 2017 con la petizione presentata da Ivan Bisconti. Una battaglia che purtroppo l’emergenza Covid ha reso ancora più attuale. Se la sanità pugliese lamenta da sempre un buco in organico di almeno 1000 infermieri con contratto a tempo indeterminato, adesso ne servirebbero almeno il triplo. Un discorso che vale per il resto del Paese, e non solo per gli infermieri. Ricordo che l’Italia è già sotto procedura di infrazione per l’abuso dei contratti a termine nell’amministrazione pubblica. Una vergogna che va affrontata nel quadro delle misure per il rilancio del Paese e anche con adeguati interventi normativi per sanzionare in maniera energica gli abusi già rilevati e prevenire quelli futuri. Con l’ok della commissione Petizioni ricevuto oggi, il Parlamento europeo di fatto si schiera al fianco dei precari pugliesi e italiani. Bari e Roma diano una risposta immediata alle loro istanze”. Lo dice Rosa D’Amato, eurodeputata del gruppo Greens al Parlamento europeo, a margine dell’audizione in commissione PETI sulla petizione 0302/2017 sulla stabilizzazione degli infermieri precari in Puglia.    


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.