Importante vittoria dell’ADOC-UIL Brindisi su CONTENZIOSO TELEFONICO

Risarcimento di oltre € 10.000,00 nonché applicazione da parte del Tribunale delle c.d.tabelle degli indennizzi dell’Agcom

Con recente sentenza n. 77 del 2021 il Tribunale di BARI, nella persona della Dott.ssa SORIA Carlotta, ha accolto la domanda di un cittadino barese tramite atto di citazione proposto dagli Avv.ti Marco ELIA e Marco MASI dell’ADOC–UIL Brindisi per risarcimento danni da inadempimento contrattuale da parte di una nota Compagnia telefonica.

Si è trattato di un giudizio iniziato nell’anno 2014 e riguardante la sospensione del telefono e della linea internet per un lungo arco temporale, di oltre un anno.

In buona sostanza, la vicenda è senz’altro una di quelle che ogni giorno coinvolge migliaia di consumatori che sempre più spesso si trovano a dover fronteggiare innumerevoli problemi con gli operatori, tra cui i più ricorrenti relativi a: doppia fatturazione, costi di recesso non dovuti, servizi non richiesti, importi maggiorati, mancata portabilità, linea assente o malfunzionante sino ad arrivare alla sospensione o cessazione dei servizi.

Di notevole rilevanza è la pronunzia del Tribunale di Bari in quanto, per la prima volta dinanzi ad un Tribunale (e non Giudice di Pace) sono stati pienamente riconosciuti gli importi previsti dal regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti e operatori di comunicazioni elettroniche 347/18/CONS (all’epoca dei fatti 73/11/CONS).

Ed infatti, il Giudice ha testualmente disposto quanto segue: “In conclusione, la convenuta dev’essere condannata al pagamento delle somme quantificate in base alla tabella dell’AGCOM di cui alla delibera”.

E, quindi, ha “riconosciuto all’attore l’importo di € 1.800,00 per ritardo nell’attivazione dei servizi; € 6.500,00 per discontinua erogazione dei servizi internet e linea telefonica; € 1.200,00 per interruzione linea telefonica ed € 300,00 non avendo la società convenuta mai risposto ai reclami inoltrati dall’attore...”.

Sul punto è opportuno segnalare come la questione dell’applicabilità delle tabelle degli indennizzi in sede giurisdizionale sia dibattuta. 

Ed invero, tali tabelle vengono – paradossalmente – ritenute applicabili dinanzi ai Comitati Regionali delle Comunicazioni (c.d. Co.Re.Com) in sede di definizione delle controversie ma, incomprensibilmente, non ritenute applicabili o, comunque, non applicate dinanzi all’Autorità giudiziaria, quantomeno come parametro minimo di indennizzo e/o risarcimento da riconoscere all’utente/consumatore.

Pertanto è davvero di estrema importanza la richiamata pronunzia poiché l’autorevole Tribunale di Bari ha accolto in toto la qualificazione dei disservizi e la quantificazione prospettata dagli Avv.ti ELIA e MASI ed ha, conseguentemente, condannato la Compagnia telefonica procedendo ad un semplice ed automatico calcolo dei giorni di malfunzionamento, mancata erogazione dei servizi e mancata risposta ai reclami.

Nondimeno il Tribunale barese ha anche confermato un principio essenziale in materia di contenzioso telefonico e relativo all’onere della prova che incombe sull’operatore che deve dimostrare in giudizio di aver garantito l’erogazione dei servizi telefonici.

Sul punto, scrive il Giudice Soria: “la convenuta non ha in alcun modo assolto al proprio onere probatorio, non avendo provato la ritualità del proprio operato e, in particolare la tempestiva attivazione dei servizi, il corretto funzionamento dei medesimi, nonché di aver replicato ai formulati reclami”.

Dunque, si apre una strada davvero rilevante per i milioni di consumatori ed utenti che sempre più spesso lamentano problemi di fatturazione, di malfunzionamenti nella linea fissa e mobile, di lentezza nella connessione ad Internet.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.