Mezzogiorno. Paolo Capone, Leader UGL: “Potenziare sistema portuale per colmare gap Nord-Sud e favorire lo sviluppo del Paese”

“La crisi economico sociale innescata dalla pandemia ha accentuato il divario Nord-Sud, una forbice che in assenza di un’adeguata pianificazione sarà destinata ad allargarsi sempre di più a danno della coesione nazionale.

Pesano decenni di sperperi, mancati investimenti, e politiche sbagliate fondate sull’assistenzialismo. E’ necessario, in primis, un cambiamento di paradigma che punti a valorizzare le immense potenzialità e l’enorme giacimento di risorse che il Mezzogiorno è in grado di offrire, colmando lacune e criticità che si trascinano ormai da tempo. Fra le priorità su cui sarebbe auspicabile concentrare gli interventi, il settore della logistica riveste un ruolo fondamentale. Il potenziamento e la modernizzazione del nostro sistema portuale consentirebbe di sfruttare al meglio la posizione strategica dell’Italia, vero e proprio ‘hub’ naturale del Mediterraneo. Un’occasione unica per integrare la rete logistica nazionale e favorire, così, non soltanto gli scambi delle merci ma anche il comparto turistico. E’ indispensabile sostenere mediante incentivi, agevolazioni fiscali e ingenti investimenti, la realizzazione di quelle piccole, medie e grandi opere funzionali a colmare il gap Nord-Sud. In tale prospettiva, il Recovery Plan è un’opportunità che non possiamo permetterci di perdere per incoraggiare l’occupazione e la competitività delle aree meridionali a vantaggio dell’intero sistema Italia”. Lo ha dichiarato Paolo Capone, Segretario Generale dell’UGL, dal Congresso UGL Napoli in merito al rilancio del sistema portuale italiano come volano per lo sviluppo del Mezzogiorno.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.