Corruzione atti giudiziari Brindisi, Macina (M5S): “Quadro inquietante. Liberare la giustizia da mele marce”

La deputata brindisina: “Accuse gravissime su cui bisogna fare chiarezza per tutelare l’onore delle istituzioni”

“L’inchiesta della Procura di Potenza, che vede coinvolti giudici e professionisti che operano presso il Tribunale di Brindisi, con la pesante accusa di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari, ritrae un quadro inquietante e sconcertante”. Così la deputata Anna Macina (M5S), a proposito dell’inchiesta su alcune procedure fallimentari che ha portato questa mattina a diversi arresti, fra cui anche un magistrato della Sezione Fallimentare di Brindisi. “Al netto – continua – della necessità di attendere gli esiti degli accertamenti giudiziari in corso e che stabiliranno eventuali responsabilità penali, l’impianto accusatorio che emerge dalle cronache giornalistiche è molto grave e ritrarrebbe un sistema deteriorato in cui l’esercizio della giustizia potrebbe apparire inquinato, sovvertito e sfruttato per fini opposti rispetto a quella che dovrebbe essere la missione principale dell’istituzione. Questo infanga anche quella stragrande maggioranza di magistrati che svolgono il proprio dovere con disciplina e onore. Auspico tempi rapidissimi per gli esiti di quest’inchiesta, perché i valori democratici passano anche e, soprattutto, attraverso la terzietà e l’osservanza rigorosa delle norme da parte di coloro che ricoprono ruoli nella magistratura, cui spetta di salvaguardarli e tutelarli, cosí da non intaccare la fiducia che i cittadini nutrono nelle istituzioni e nella magistratura” conclude la deputata.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.