Massimo Galli su “DiPiù”: “Gli studenti stiano a casa”

Il settimanale “DiPiù” di questa settimana, una delle riviste più diffuse in Italia, dedica l’apertura al tema della scuola. E lo fa promuovendo un forum tra favorevoli e contrari alla didattica a distanza.

Per la prima categoria l’autore del pezzo, Metello Venè, intervista Mario Rusconi, presidente per il Lazio dell’Associazione nazionale presidi, il quale senza mezzi termini afferma che la Dad “dopo tutti questi mesi ha rovinato i nostri ragazzi”. E spiega: “Li priva di una componente fondamentale del loro sviluppo e cioè quella che i sociologi chiamano ‘gruppalità’”. Sulla sicurezza nelle classi, Rusconi non ha dubbi: “Distanziamento rigoroso, mascherine, termoscanner all’entrata. La prevenzione è garantita. Al primo colpo di tosse, l’alunno o l’alunna vengono isolati in un’aula apposita e arriva subito il medico”.

Di parere opposto, Giampiero Castellotti, responsabile dell’Ufficio comunicazione dell’Unsic, sindacato che ha raccolto 200mila firme a sostegno della Dad fino al termine dell’emergenza Covid.

Ci sono studi che dimostrano con chiarezza come la riapertura dello scorso settembre sia stata un errore madornale – dice al settimanale “DiPiù”. E cita un dato per tutti, dell’Istituto superiore di sanità: “Il 25 agosto i contagiati nella fascia da zero a 19 anni erano 9.500; il 6 novembre, dopo quasi due mesi di superiori aperte, erano dieci volte di più. Lo sappiamo anche noi che in presenza sarebbe meglio, ma ora come ora è prematuro. Allo stato attuale entrare a scuola è un rischio enorme. Perché mancano le condizioni. Non è tanto la situazione all’interno dell’aula a fare la differenza, ma quello che c’è fuori – conclude Castellotti.

Il settimanale tira le somme con l’infettivologo Massimo Galli, primario dell’Unità delle malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano. Scrive l’autore del pezzo: “Dopo avere esposto le ragioni di chi preme per il rientro in aula e di chi, invece, dice che è meglio studiare a casa, affidiamo la sentenza finale ad uno dei più illustri infettivologi italiani”.

Cosa dice Galli? “Diciamo intanto che, indipendentemente dal fatto che la scuola sia in sé sicura, una riapertura si associa inevitabilmente a un aumento dei contagi: il virus infatti cammina con le nostre gambe, e più gambe si muovo e più si diffonde”.

Il professore consiglia di curare maggiormente la diagnostica, ad esempio attraverso l’uso estensivo del tampone, meglio ancora dei nuovi test salivari. “Andrebbero fatti a tappeto in tutti gli istituti, procedendo poi con le quarantene – consiglia Galli.

In conclusione, cosa si sente di dire a chi si accapiglia sul ritorno a scuola? – gli domanda Venè.

Che bisogna pazientare. C’è chi mi chiede: ‘Perché l’aperitivo è permesso e la scuola no?’. Fosse per me, le dico la verità, allo stato attuale non permetterei né l’uno né l’altra”.

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.