Mesagne (Br).Caso Regeni, verità per Giulio

Il 25 Gennaio 2016 si perdevano le tracce di Giulio Regeni.  Ricorrono oggi i 5 anni dal ritrovamento del suo corpo. Sulla morte dello studente, e sulle cause che la determinarono in seguito delle ripetute e prolungate torture, non vi è ancora alcuna certezza. 

Lo scorso anno, il Comune di Mesagne organizzò una marcia silenziosa, in collaborazione con l’ Istituto scolastico ‘Epifanio Ferdinando’, per chiedere chiarezza sulla drammatica vicenda.   

All’appello, affinché venga fatta giustizia, ci uniamo anche quest’anno, se è possibile con ancora  maggiore forza e determinazione“, ha dichiarato il sindaco Toni Matarrelli. Le restrizioni dettate dall’emergenza sanitaria limitano le espressioni con cui in tutta Italia si stanno svolgendo le iniziative per ricordare l’omicidio del giovane ricercatore, ma non azzerano le ragioni e le forme simboliche per farlo. 

Dopo che la procura di Roma ha chiuso le indagini accusando cinque agenti dei servizi segreti egiziani, la procura del Cairo ha fatto sapere che ‘non esiste una base’ per procedere e che quindi non fornirà informazioni sui cinque agenti. Tradotto in altri termini significa che non collaboreranno“, ha commentato il consigliere comunale con delega alle Politiche Giovanili, Vincenzo Sicilia

In occasione del doloroso anniversario, lo striscione “Verità per Giulio Regeni” è stato riposizionato sulla facciata del Comune di Mesagne.

 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.