Mesagne (Br).Festival del Libro Emergente, giovedì 4 febbraio “Mi chiamo Elisa” con Chiara De Giorgi

Terzo appuntamento del Festival del libro Emergente, la rassegna letteraria che ogni giovedì alle 19.00 attende gli appassionati di lettura sulla pagina Facebook di Qui Mesagne.

Questa settimana, giovedì 4 febbraio, verrà presentato il libro di Chiara De Giorgi dal titolo “Mi chiamo Elisa”, un diario di una sedicenne che racconta le emozioni e i dubbi degli adolescenti. Elisa ha sedici anni e non ha mai mangiato il pollo con le posate. Ha due fratelli e due sorelle che adora, una migliore amica e tanti progetti per le vacanze. Per capire qualcosa di se stessa, tiene un diario, in cui racconta la sua estate di avventure vissute con entusiasmo, imprevisti affrontati con delicatezza e infinite sorprese: una nuova amica a Londra, un piatto di spaghetti piccanti al mare, un viaggio in elicottero nel corso di un fine settimana in montagna e un finto appuntamento che, forse, diventerà qualcosa di più. Al termine dell’estate, sono successe così tante cose che Elisa decide di terminare l’esperimento e buttarsi con entusiasmo in tutto ciò che la sua vita di adolescente le riserva.

Alla presentazione sarà presente Chiara De Giorgi, che oggi vive a Berlino e per la casa editrice le Mezzelane lavora in qualità di editor, traduttrice e curatrice della collana “Black Moon Street”. A dialogare con l’autrice ci saranno Regina Cesta, ideatrice della kermesse, e Martina Castrignanò una giovanissima mesagnese che si è appassionata alla lettura del libro.

Il Festival del Libro Emergente è patrocinato dalla Città di Mesagne e dal Teatro Pubblico Pugliese. Main sponsor “La Cantina Sampietrana”. Non mancate!


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.