PD Brindisi: “ZDF a Capobianco un primo passo. Si definisca la perimetrazione delle altre aree portuali e retroportuali”

La notizia dell’istituzione della prima zona franca doganale interclusa all’interno della zona economica speciale Puglia-Molise a Capobianco è una buona notizia per le potenzialità che esprime.

È comunque pacifico che l’area su cui insiste la colmata, allo stato attuale, difficilmente si concilia, nel breve periodo, con potenziali investimenti a causa della scarsa infrastrutturazione e perciò rischia di rimanere un’occasione a lungo termine.
Auspichiamo quindi che si intraprendano immediatamente tutte le iniziative propedeutiche a consentire la fruibilità e l’infrastrutturazione della colmata di Capobianco per agevolare così gli insediamenti e i nuovi investimenti.
Riteniamo altrettanto prioritario e urgente la piena definizione della strategia della zona franca doganale interclusa di Brindisi così come stabilito nei diversi incontri del comitato d’indirizzo intercorsi in questi mesi, come la perimetrazione delle altre aree individuate quali le banchine di Costa Morena e la corrispondente area retroportuale che, essendo già infrastrutturate e disponibili, possono rappresentare un immediato riscontro per l’attrazione degli investimenti e il rilancio economico della città.
La zona franca doganale interclusa per una città in sofferenza come Brindisi, e in generale per tutto il territorio, riveste carattere di vitale importanza e la perimetrazione quale ZDF di Capobianco rappresenta il primo passo di una strategia di sviluppo che troverà compimento quando le ZES e tutte le aree individuate quali zone franche doganali intercluse saranno pienamente operative.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.