10 FEBBRAIO GIORNO DEL RICORDO

Anche quest’anno il “Comitato 10 Febbraio”, terrà in tutta Italia una serie di eventi e manifestazioni per celebrare adeguatamente la Legge n° 92 del 30 marzo 2004, ( Legge Menia) , voluta per ricordare il martirio di migliaia di nostri connazionali sottoposti a feroce pulizia etnica nei territori della ex jugoslavia, durante il secondo conflitto mondiale, – scaraventati in gruppi legati da fil di ferro, spessissimo ancora vivi, nelle tristemente famose Foibe, voragini carsiche di cui è costellato quel territorio – , e  per ricordare gli oltre 350mila esuli che dovettero abbandonare quelle terre ed ogni avere, per sfuggire al massacro, e mossi da amore per la Patria preferirono anni di esilio pur di trascorrere il resto della loro vita su suolo italiano;

      Ormai da decenni  il Comitato 10 febbraio, di cui è, tra gli altri, promotore nazionale Cesare Mevoli, è attivo anche nella nostra Città, con l’obiettivo di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale e che dopo insistenti richieste , banchetti, raccolte di firme, è riuscito a far intitolare ai “Martiri delle Foibe” una via nel quartiere Sant’Angelo .

     Nella stessa via il  comitato ha collocato a sue spese  una targa viaria in marmo per sostituire il vergognoso tratto di pennello a vernice nera che per anni ha dato il nome alla via, targa presso la quale avviene, alla presenza di alcuni esuli viventi e di alcuni loro discendenti, la deposizione di un fascio di fiori tricolore, ed a seguire si invitano i presenti a partecipare alla Santa Messa a suffragio celebrata nella parrocchia del quartiere, che non a caso ospita la suddetta via, oltre a via Don Pietro Doimo Munzani, ultimo Arcivescovo di Zara, anch’egli esule, e che terminò la sua esistenza terrena il 28 gennaio 1951 colto da un malore mentre celebrava la Santa Messa nella Cattedrale di Oria;

     L’evento, al quale sono state invitate a partecipare le massime autorità cittadine, dal Prefetto al Sindaco, dal Questore ai Comandanti Provinciali della GdF e dei Carabinieri, direttamente o tramite loro rappresentanti, è aperto a tutti i partiti, associazioni e semplici cittadini, ma si svolgerà senza alcun simbolo ad esclusione della bandiera tricolore.

     Il  programma della manifestazione è il seguente:

     Ore 16,45 : concentramento dei partecipanti all’iniziativa, in via Martiri delle Foibe , al rione Sant’Angelo. (  Tutti i partecipanti, che non supereranno il numero di 30, saranno muniti di mascherine e rispetteranno il distanziamento come previsto dalle norme anti covid);

   Ore 17,15 : deposizione di fasci di fiori e corone presso la targa marmorea che intitola la strada;

  Ore 17,30 : partecipazione alla Messa in suffragio delle vittime presso la parrocchia “Spirito Santo” , in via Galanti. 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.