PRC Brindisi:liste di attesa in epoca COVID-19 nella ASL BR; si possono governare?

Sentendo tante storie di persone che non riescono ad eseguire né visite specialistiche  né esami strumentali per iter diagnostici terapeutici, a causa di liste di attesa  addirittura chiuse, con grave disagio della nostra popolazione che vede a rischio la  propria salute e che si vede costretta, quando può economicamente, a rivolgersi al  privato e se non può tende alla rinuncia alla cura di sé, in barba all’articolo 32 della  Costituzione, abbiamo voluto provare a prenotare alcune prestazioni. La situazione  delle liste d’attesa al 9 febbraio 2021 era la seguente: 

  • Angio RMN distretto vascolare intracranico: tutto chiuso. 
  • RMN encefalo con m.d.c.: tutto chiuso. 
  • RMN addome completo con m.d.c.: tutto chiuso. 
  • Intervento di cataratta: tutto chiuso. 
  • Fluorangiografia oculare: tutto chiuso. 
  • Prima visita cardiologica: tutto chiuso. 
  • Prima visita ematologica: 28.04.2021 (+ di 60 gg). 
  • Colonscopia:: 20.05 2021 (+ di 60 gg). 
  • Prima visita endocrinologica: tutto chiuso. 
  • Ecocolordoppler dei tronchi sovraortici: tutto chiuso. 

Che fare per abbattere le liste di attesa, in questa epoca di pandemia Covid-19? Che  fare per le patologie no-Covid, che ovviamente non registrano alcun calo di  incidenza sulla popolazione? L’organizzazione aziendale, in questi tempi di  pandemia (ma le problematiche forse sono più vecchie e sistemiche) si è dotata di  strumenti atti a garantire l’effettiva “presa in carico” del cittadino paziente, pianificando la fruibilità delle prestazioni in modo tempestivo e congruo con il  decorso della patologia, nell’ottica di evitare il ricorso a prestazioni caratterizzate da  una più elevata complessità erogativa, ad esempio la ospedalizzazione c.d. evitabile?  Prevede l’attivazione di modalità alternative di accesso alle prestazioni nel caso in  cui al cittadino non possa essere assicurata la prestazione entro i limiti previsti dalla  Regione (cosiddetti “percorsi di tutela”)? E’ stato attivato un attento monitoraggio  con relativi flussi informativi relativi alle patologie no-COVID (liste di attesa,  ricoveri) per sapere se vi sia piena attuazione di quanto previsto dal Piano  Nazionale Gestione liste di attesa (PNGLA) del febbraio 2019 e se si stia attuando 

la delibera dell’ottobre 2018 della Regione Puglia per la “Presa in Carico delle  cronicità”? Noi vorremmo capire e sapere in maniera chiara e trasparente, con i  nostri concittadini, quali siano i percorsi di tutela attivati dal Management ASL  BR! Vorremmo sapere se sono state attivate le modalità alternative di accesso alle  prestazioni e se l’Azienda stia provvedendo all’ acquisto di prestazioni  specialistiche aggiuntive erogate in regime libero professionale (PNGLA 2019), concordate con i professionisti e sostenute economicamente dall’Azienda, riservando  al cittadino solo la eventuale partecipazione al costo con ticket. Si ricorda inoltre  che lo stesso “PNGLA 2019” prevede che “il rispetto degli impegni assunti dai  Direttori Generali per il superamento delle criticità legate ai lunghi tempi di  attesa, costituiscono prioritario elemento della loro valutazione”. 

Speriamo che non ci sia il solito silenzio assordante come risposta, nell’interesse  dei cittadini tutti e a salvaguardia del bene comune salute.  

 

Fulvio Picoco Responsabile Sanità Prc Brindisi  Ivano Valente Segretario circolo di Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.