CONSORZIO DI BONIFICA, CAROLI (FDI): PAGARE TRIBUTI PER SERVIZI NON RESI E CHE METTONO A RISCHIO IL TERRITORIO È ASSURDO

“Vengono chiamate Cartelle PAZZE, ma i veri pazzi, forse, sono quelli che non forniscono un servizio di loro prerogativa, mettendo a rischio la vita di centinaia di persone.

“Ancora una volta in Commissione regionale Agricoltura si è tornati a parlare del tributo 630, un costo che pesa tantissimo su tante famiglie e agricoltori non tanto per l’importo in sé, ma perché viene vissuto come un’ingiustizia, alla quale si aggiunge una beffa micidiale: in caso di mancato pagamento scattano infatti i blocchi dei mezzi agricoli.

“Ma nessuno nel frattempo si preoccupa dei lavori di manutenzione ordinari e straordinari di sistemazione della rete irrigua, dei corsi dei canaloni non puliti che mettono a rischio tante famiglie e aziende – non solo agricole – di Fasano, Ostuni e Carovigno, ma anche alcuni quartieri di Brindisi, i quali potrebbero essere inondati in caso di bombe d’acqua o peggio alluvioni. Negli ultimi 10 anni tanti brindisino hanno vissuto e continuano a vivere con terrore le allerte meteo, e preferiscono ogni volta abbandonare le loro abitazioni per non rischiare di essere travolti dal fango.

“Per questo motivo invito il commissario unico del Consorzio Sud-Centro della Puglia a fare un sopralluogo nei territori interessati dal rischio idrogeologico: cos? si renderà conto che il problema non è pagare il tributo, ma pagarlo e rischiare la vita!”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.