SANITA’, ZULLO (FDI): LA PUGLIA HA DECISO DI INTERNALIZZARE IL PERSONALE. MA QUANTO COSTA AI PUGLIESI E QUANTI BENEFICI PORTA AL SISTEMA SANITARIO?

“La società o la cooperativa che vince e fornisce un servizio in un ospedale e in qualsiasi struttura sanitaria pubblica (pulizia, mensa, guardiania etc), costa ai pugliesi di più o di meno dei lavoratori assunti direttamente dalla Regione?

“Insomma, per spiegare meglio: le internalizzazioni di servizi di supporto alle attività sanitarie quanto pesano sulla spesa sanitaria regionale, e quindi quanta parte del Fondo Sanitario Regionale assorbono rispetto alle esternalizzazioni? E quanta efficienza assicurano i servizi internalizzati rispetto alle esternalizzazioni? In questi anni di internalizzazioni quanto assenteismo si è registrato? Quanti assunti con qualifiche comportanti lavoro manuale sono stati promossi a ruoli superiori impiegatizi o dirigenziali? Come è cresciuta la sindacalizzazione del personale nel settore pubblico rispetto al privato che svolgeva i servizi in esternalizzazione?

 

“Sono consapevole di affrontare un tema ‘scomodo’, tuttavia le domande che pongo non sono provocatorie, ma serie e ragionate perché se l’internalizzazione dei servizi non è più economica, più efficiente e più efficace rispetto all’esternalizzazione, allora tolgono risorse all’assistenza sanitaria, con conseguente mancata erogazione dei LEA e qualità scadente dei servizi e, quindi, qualche riflessione va fatta.

“E’ bene precisare che qui non è in discussione il lavoro di tanti dipendenti delle Sanitaservice, che indubbiamente svolgono un’attività importante per le strutture sanitarie e continuerebbero a svolgerla sia come dipendenti della Sanitaservice sia come dipendenti di aziende private. E’ un problema di scelte manageriali in tema di sanità: mentre in altre Regione si preferisce esternalizzare i servizi di supporto alle attività assistenziali assistenziali, in Puglia si preferisce internalizzare.

“Di fatto: dove si esternalizza c’è maggiore assicurazione dei LEA ed è più alta la qualità dei servizi, tant’è che in quelle regioni migrano nostri concittadini per le prestazioni sanitarie, con un secondo grave danno a carico del FSR riveniente dalla mobilità passiva.

“Fuori da ogni pregiudizio e anche con il rischio di apparire meno ‘popolare’, penso che sia arrivato il momento di affrontare l’argomento e discuterne nella Commissione Bilancio con i Direttori Generali delle ASL e delle Aziende Ospedaliere, l’assessore Pierluigi Lopalco e il presidente Michele Emiliano”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.

BRINDISI.Si è perso il cane Totò, l’ appello disperato della padrona .

Totò, un bellissimo cane, affettuoso, che si è perso presso la struttura commerciale

Brinpark a Brindisi. Totò, che è come un figlio per la propria padrona, una donna

anziana. L’ultimo avvistamento di Totò il 17 mattina, al Parco del Cesare Braico, per

chi avesse  notizie questo il numero di cellulare a cui rivolgersi 3491449713.