SCUOLA, FAMIGLIE NEL CAOS. GESUALDO (PSICOLOGI PUGLIA): “INCERTEZZA CHE GENERA ANSIA E DISGREGAZIONE PER FAMIGLIE E DOCENTI”

Non c’è pace per la scuola e per le famiglie coinvolte”. Il presidente dell’Ordine degli Psicologi di Puglia Vincenzo Gesualdo commenta la nuova ordinanza del governatore Emiliano dopo il ricorso al Tar del Codacons

“Un clima di incertezza che genera ansia e caos nelle famiglie e, di conseguenza, nei ragazzi, già provati dalla modifica della loro routine da oltre un anno”. Con queste parole il presidente dell’Ordine degli Psicologi di Puglia Vincenzo Gesualdo commenta i provvedimenti che rimbalzano tra decisioni diverse in tema scuola a livello regionale.

Seppur mossa dall’intenzione di tutelare la salute degli studenti e del personale scolastico, l’ordinanza firmata in tarda serata lo scorso martedì dal presidente della Regione Michele Emiliano, in risposta alla sospensione della precedente per mano del Tar Puglia, ha contribuito a mettere in condizione docenti e famiglie di ritrovarsi impreparati sul da farsi al mattino seguente.

Fino al 14 marzo, infatti, sono previste le lezioni a casa per tutti (come nella precedente ordinanza) tranne, però, per chi dovesse avere comprovate necessità di usare i laboratori e per gli alunni con disabilità o con bisogni educativi speciali e per coloro che, per ragioni non diversamente affrontabili, non avessero la possibilità di seguire le videolezioni da casa.

“Un braccio di ferro tra Regione e Codacons che non fa altro che mettere ancor più in difficoltà le famiglie, generando tensioni e incertezza sull’organizzazione familiare tra impegni personali e lavorativi dei genitori” continua Gesualdo.

“Si sta discutendo poco dell’impatto psicologico che il clima di incertezza genera negli studenti” continua Gesualdo. “I cambiamenti repentini, seppur messi in atto per tutelare la salute collettiva, hanno destrutturato la quotidianità di tutti, soprattutto degli studenti che hanno dovuto riadattare i loro riti giornalieri. Hanno generato ansie e tensioni nelle famiglie. Adesso si chiede loro di farlo nuovamente, di tornare a vivere l’esperienza scuola, ma non nelle stesse modalità dovendo, quindi, adottare nuove abitudini”.

“Ciò che è poco considerato è l’impatto che sta avendo sul ruolo dei docenti” continua Gesualdo. “L’incertezza continua ha un impatto sulla gestione della didattica, sulla riorganizzazione continua in base alle ultime disposizioni, è una situazione disgregante per la quale urge porre un argine. I docenti, inoltre, sono anch’essi padri o madri”.

Va poi presa in considerazione la tendenza a privilegiare la didattica in presenza per la scuola materna. “I bambini sono forse immuni da eventuale contagio? Stiamo affrontando una situazione di massima entropia, di caos generale, in cui vengono meno punti di riferimento. Questo ovviamente aumenta ansia, panico e disorientamento generale con aumento anche di rabbia”. È necessario quindi affrontare seriamente il dilagante disorientamento che porta ad un sentimento di profonda depressione, le organizzazioni che si occupano dei diritti dei bambini hanno dichiarato che in Europa un bambino su cinque si dice infelice e ansioso. “Non possiamo perdere altro tempo per recuperarli”.

Gesualdo rimarca l’importanza della figura dello psicologo a scuola: “Con il protocollo siglato dal Ministero dell’Istruzione viene posta attenzione alla salute e al supporto psicologico per il personale scolastico e per gli studenti quale misura di prevenzione precauzionale indispensabile per una corretta gestione dell’anno scolastico. Un’iniziativa necessaria che potrà sicuramente giovare all’intera comunità scolastica”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.