BRINDISI.GIUNTA AZZERATA – FORZA ITALIA: IL SINDACO ROSSI NASCONDE LA CRISI DIETRO IL “POLITICHESE”. TOLGA IL DISTURBO, PER IL BENE DELLA CITTA’!

Ci avrà pensato a lungo, misurando ogni parola, il sindaco Rossi prima di emettere la nota-stampa con cui ufficializza il ritiro delle deleghe ai suoi assessori. Ha tentato di spacciare il fallimento della sua prima metà del mandato con la necessità di ridare vigore all’azione politica.

In realtà, Rossi oggi può contare sulla pattuglia dei suoi fedelissimi di Brindisi Bene Comune, mentre il Partito Democratico è a pezzi per la battaglia interna riguardante proprio la nomina dei nuovi assessori. Una bagarre da cui pare non sia escluso neanche il segretario cittadino che gradirebbe un ingresso diretto in Giunta.
 
La città cade a pezzi e sta finendo in un baratro mentre questa pseudo-maggioranza è immobile su tutto, a discapito delle decine di migliaia di brindisini che aspettano risposte praticamente su tutto.
 
Ecco perché il primo cittadino dovrebbe trovare il coraggio di farsi finalmente da parte, lasciando agli elettori la scelta di chi dovrà governare la città nel periodo più buio della sua storia recente, anche per effetto dei danni provocati in questi due anni e mezzo.
 
Il coordinamento cittadino di Forza Italia
 
Avv. Roberto Cavalera – capogruppo consiliare
 
Dott. Gianluca Quarta – consigliere comunale


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.