La Uil pensionati “Stu Appia” chiede all’ASL di Brindisi di riaprire i tavoli sul rilancio del Servizio Sanitario e sul rafforzamento della medicina del territorio.

I temi sono rivolti in particolare, alla richiesta di un nuovo modello organizzativo del sistema delle RSA; RSSA e delle politiche verso le persone anziane sole e non autosufficienti che intendono restare il più a lungo possibile nella propria casa. 

La tesi è verso l’assistenza delle persone fragili, posta sul “sociosanitario integrato” ma mai applicato, però necessario per la cultura del rispetto ai valori e ai principi delle “tutele e sicurezze” verso le persone anziane, gli ammalati oncologici e i disabili. 

Il Piano di Zona è lo strumento di pianificazione per lo sviluppo di una politica locale di servizi e interventi territoriali che hanno bisogno della presenza rappresentativa per la stesura del Piano Sanitario e Sociale integrato nel rispetto dei diritti civili necessari per migliorare e tutelare meglio la salute e il benessere dei cittadini, bisognosi di cure, in un periodo di grande incertezza economica e politica. 

Per fare fronte a questa situazione occorre perseguire fermamente e costantemente l’appropriatezza delle cure e dei percorsi d’intervento nella logica ineludibile di essere un Programma sociale –sanitario.

Purtroppo la dimensione finanziaria incide anche molto nel territorio. In base ai dati Istat,  presentati nei giorni scorsi – rapporto 2018, si rileva che la spesa sociale del Sud è molto bassa rispetto al resto d’Italia: 58 euro annui pro capite contro una media nazionale di 124 euro. 

La spesa del Sud dei Comuni più grandi  è di 96 euro (-1,3% per i servizi rivolti agli anziani) mediamente inferiore a quella dei comuni più piccoli dell’Italia Settentrionale  che è di 119 euro. 

La Uil pensionati STU Appia sa che la dimensione finanziaria incide molto nel territorio, ma il Governo nazionale è significativo fare uno sforzo per valorizzare meglio il Mezzogiorno perché, da una parte, il servizio sanitario rappresenta la migliore barriera per contrastare le disuguaglianze per la tutela della salute e dall’altra promuove ricchezza servizi e benessere sociale.

La pandemia ha dimostrato la necessità di una svolta per le cure. Sui disabili si fanno tanti annunci e pochi fatti. Le vaccinazioni per le persone fragili sono ferme o vanno a rilento, dovute, forse, a metodologie diverse che sono la conferma di una grande confusione sanitaria tra le Regioni. 

Chi ci rimette, purtroppo, è la famiglia della persona non autosufficiente. Serve l’impegno verso l’educazione del rispetto sui valori e sui principi per tutelare il disabile che ha bisogno di cure e preziose attività riabilitative e socializzanti.

Sono persone “vulnerabili” che non chiedono “incongruenze” e disparità di trattamento, secondo le situazioni di cure provenienti dal rapporto delle diversità territoriali.

Un’evidente disparità di trattamento, sicuramente più accentuato, è nelle periferie in particolare a Brindisi e in provincia,  perché la somministrazione dei vaccini è a più a rilento rispetto al percorso dell’Accordo di Programma.

La Stu Appia della Uil pensionati chiede di ripartire, ma ciò non è possibile farlo senza un riprendere i valori e un’accelerazione della campagna vaccinale completa e paritaria tra le varie regioni del Nord, del Centro e del Sud.

Il segretario Tindaro Giunta


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.