Infermiere di famiglia. M5S: “Oggi pomeriggio il primo tavolo tecnico con gli OPI provinciali e gli assessori Lopalco e Barone”

“Si terrà oggi pomeriggio il tavolo tecnico sull’infermiere di famiglia.

Un primo momento di confronto importante in cui inizierà il percorso per definire correttamente questa figura, gli ambiti di intervento  e l’inquadramento a livello contrattuale di questi professionisti”. Ad annunciarlo i consiglieri del M5S Grazia Di Bari, Marco Galante e Cristian Casili che domani parteciperanno all’incontro assieme all’assessore alla Sanità Pierluigi Lopalco, ai presidenti degli OPI provinciali e  all’assessora al Welfare Rosa Barone.

“L’infermiere di famiglia è una figura centrale per la riorganizzazione dell’assistenza territoriale – continua Galante – per questo bisogna avviare parallelamente due percorsi: quello della valorizzazione delle competenze già acquisite sul campo dagli infermieri attualmente in servizio e quello della formazione universitaria. Gli infermieri di famiglia si occuperanno di gestione delle cronicità, educazione alla salute e prevenzione e collaboreranno in maniera multidisciplinare con i medici di base e gli altri professionisti e operatori sanitari. È necessario che progetti innovativi per l’assistenza territoriale  sviluppati in Puglia come ad esempio il progetto ‘Leonardo’, non restino solo esperienze isolate ma diventino il punto di partenza per un cambio nella gestione della sanità territoriale. L’infermiere di famiglia è uno dei punti fondamentali del percorso che abbiamo intrapreso con la Giunta: l’obiettivo è rendere davvero più efficiente il nostro sistema sanitario, mettendo al primo posto l’assistenza alle persone più fragili, aiutando così concretamente anche le loro famiglie”. 


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.